Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

André Delvaux. Una ricerca sulla forma

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 11 Infine abbiamo ritenuto opportuno fornire alcuni cenni sia sulla pedagogia del regista, sia sulle opere da lui girate in questi anni. La seconda parte di questa tesi fornisce un quadro generale delle posizioni critiche sull’opera del regista, mettendo in luce, anche tramite una serie di esempi, quelle che sono le sue costanti stilistiche ed estetiche; in particolar modo ci soffermiamo sul concetto di “realismo magico” e sulla struttura del rito iniziatico ad esso connesso e sul concetto freudiano di “perturbante” che gli studiosi Agel e Marty utilizzano come chiave di lettura del cinema di Delvaux, fornendo un excursus storico e teorico per ognuno di tali termini. Giungiamo così a L’homme au crâne rasé (1966) del quale prima analizziamo le questioni inerenti il problema dell’adattamento del romanzo, e poi le varie sequenze. L'homme au crâne rasé è il primo film di quella che possiamo una quadrilogia 1 , nella quale, in modo diverso e con esiti differenti, vengono esplorati i territori del realismo magico. Abbiamo scelto di analizzare il primo di questi film perché, com’è spesso tipico di un esordio, esso presenta “allo stato grezzo” molte delle costanti stilistiche ed estetiche del cinema di Delvaux. L'intento è stato quello di (di)mostrare in cosa consiste questo misterioso “realismo magico”, quali sono i mezzi utilizzati dall’autore affinché lo spettatore si chieda sempre se ciò che ha visto è “reale” oppure no, quale forma assumono concetti come “mise en abyme, struttura a specchio, circolazione degli oggetti), quale è il rapporto tra la vicenda del protagonista e la struttura del rito iniziatico, quale è il lavoro compiuto sulla bande son , quale è il ruolo del primo piano nel film, come si articola il discorso su quelle figure che rappresentano un doppio del protagonista, quali sono i risvolti psicologici della vicenda, che ruolo ha la figura femminile nel film… e soprattutto quale è la vera funzione dell’enunciazione. 1 Gli altri film che la compongono sono: Un soir, un train (1968), Rendez-vous à Bray (1971) e Belle (1973).

Anteprima della Tesi di Emiliano Baglio

Anteprima della tesi: André Delvaux. Una ricerca sulla forma, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Emiliano Baglio Contatta »

Composta da 300 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1680 click dal 03/11/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.