Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della televisione nella produzione e diffusione di musica in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 1. La storia della musica nella televisione generalista 1.1 La RAI del monopolio 1.1.1 Dagli esordi alla fine degli anni Cinquanta L’inizio ufficiale della televisione italiana, naturalmente sull’allora unico canale RAI denominato Programma Nazionale, è datato domenica 3 gennaio 1954 ed è subito musica: prima l’ultimo atto del rossiniano Guglielmo Tell, sigla che inaugura le trasmissioni, e poi i primi programmi musicali della televisione italiana. Alle 15 Orchestra delle quindici con Febo Conti ed in seconda serata Settenote in cui Virgilio Riento presentava alcuni brani di musica leggera. Ma il programma dell’anno è un varietà a tutto tondo in cui la componente musicale ha un’importanza primaria, si tratta di Un, due, tre, una trasmissione epocale per aver inquadrato nella rigidità di un palinsesto la libertà e l’anarchia del teatro di rivista. Il successo del programma è sottolineato dal numero di edizioni, cinque fino al 1959, e di puntate (77) al timone delle quali si sono alternati personaggi come Mario Carotenuto, Riccardo Billi e Mario Riva e soprattutto una coppia storica della televisione italiana, quella formata da Ugo Tognazzi e Raimondo Vianello. IL 1955 è un anno fondamentale per la musica in televisione in Italia perché per la prima volta il Festival di Sanremo è trasmesso in diretta dalla RAI-TV che lo “scippa” alla radio, dopo le prime quattro edizioni. Il Festival è ancora in una fase pionieristica: pochi cantanti, pochi autori e case discografiche pressoché inesistenti, chi ha una canzone la deve far avere alla RAI che la passa alle proprie orchestre ed ai propri cantanti. Inutile sottolineare in questo contesto il ruolo e l’impatto del Festival televisivo sulla musica e sulla televisione italiana. 1 Con Primo applauso, in onda nel 1956, inizia l’era dei “dilettanti allo sbaraglio”. Infatti, nel varietà condotto prima da Silvana Pampanini e poi da Enzo Tortora, si

Anteprima della Tesi di Mattia Bragadini

Anteprima della tesi: Il ruolo della televisione nella produzione e diffusione di musica in Italia, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mattia Bragadini Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9010 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.