Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della televisione nella produzione e diffusione di musica in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 importante lasciata dalla trasmissione è la sigla Magic Moments interpretata dallo stesso Perry Como e diventata un classico anche in Italia. Ma la vera novità dell’anno in fatto di trasmissioni musicali è sicuramente Canzonissima. Canzonissima è un programma abbinato alla Lotteria di Capodanno, secondo l’idea di abbinare una gara musicale alla lotteria nata già nel 1956 alla radio. La prima delle tantissime edizioni del programma 3 è firmata ancora una volta dal duo Garinei e Giovannini, per la regia di Antonello Falqui e la conduzione di Renato Tagliani, coadiuvato da Ugo Tognazzi, Walter Chiari ed Enza Soldi. La prima vincitrice è Nilla Pizzi con L’Edera, ma l’esplosione del programma si colloca all’anno successivo, grazie al contributo di Dino Verde e Lina Wertmüller e soprattutto grazie alla conduzione leggera e disincantata di Paolo Panelli, Nino Manfredi e Delia Scala con i loro personaggi che danno vita ad il primo esempio di varietà all’italiana compiuto, da cui tutti i varietà successivi hanno preso spunto o con cui si sono poi dovuti confrontare. D’altra parte lo spettacolo abbinato alla Lotteria Italia resiste ancora oggi, anche se il retaggio di Canzonissima è arrivato fino a Fantastico ma poi è stato abbandonato nella ricerca di altre formule di varietà dettate più che altro dall’esigenza di contrastare la concorrenza. Attorno a Canzonissima si sono avvicendati i migliori autori della televisione italiana, oltre ai già citati Garinei e Giovannini, Dino Verde e Lina Wertmüller, vanno ricordati Amurri, Fo, Terzoli, Marchesi, Vaime, Paolini, Silvestri, Castellano e Pipolo. Ne hanno curato la regia personaggi come Antonello Falqui, Mario Landi, Eros Macchi, Romolo Siena e Piero Turchetti; lo hanno condotto i principali presentatori affiancati dalle star più affermate del mondo dello spettacolo. I nomi sono quelli di Ugo Tognazzi, Walter Chiari, Gianni Agus, Delia Scala, Nino Manfredi, Paolo Panelli, Lauretta Masiero, Alberto Lionello, Aroldo Tieri, Sandra Mondaini, Enzo Garinei, Dario Fo e Franca Rame, Lina Volonghi, Nino Taranto, Corrado, Alice ed Ellen Kessler, Peppino De Filippo, Alberto Lupo, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, Mina, Johnny Dorelli, Raimondo Vianello, Raffaella Carrà, Alighiero Noschese, Vittorio Gassman, Loretta Goggi, Monica Vitti, Pippo Baudo, Cochi Ponzoni e Renato Pozzetto. Nel 1959 con Buone Vacanze nasce il primo varietà musicale estivo, ideato dal maestro Gorni Kramer e dal regista Antonello Falqui, in cui due ospiti famosi affiancano ogni settimana un cast di giovani cantanti (tra cui Wilma De Angelis, Betty

Anteprima della Tesi di Mattia Bragadini

Anteprima della tesi: Il ruolo della televisione nella produzione e diffusione di musica in Italia, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mattia Bragadini Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9010 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.