Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Hyper_Architettura - Spazi nell’età dell’elettronica e dell’informazione. Sovrapposizioni, intrecci, contaminazioni tra reale e virtuale. Un iperpaesaggio alla Fiera di Genova

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Università degli studi di Genova – Facoltà di architettura - DIPARC 1 H Y P E R A R C H I T E T T U R A Introduzione Un presente percorribile. “Per noi, fanatici dell’estetica e del senso, della cultura del gusto e della seduzione, per noi, che riteniamo bello ciò che è profondamente morale e appassionante solo la distinzione eroica tra natura e cultura, per noi, irrimediabilmente attratti dal prestigio del senso critico e della trascendenza, è uno shock mentale scoprire il fascino del nonsenso, di quella sconnessione vertiginosa che regna sovrana sia nei deserti che nella città. Scoprire che si può godere della liquidazione di ogni cultura e trovare esaltante questa sagra dell’indifferenza (…) Ciò che è stupefacente è l’essenza di tutto questo, l’assenza dell’architettura nelle città che non sono più che lunghe carrellate segnaletiche…” [ M. Augè] “Ogni progetto , al di la di una intuizione che tende a porsi come iniziale, o a essere scoperta lungo lo sviluppo del progetto stesso, subisce comunque una serie di verifiche su una rosa di alternative che ruotano attorno al problema e alle sue ipotesi....” [ E.D.Bona, Architettura come lavoro intellettuale 1 ] L’università è soprattutto ricerca, la ricerca è approfondimento, evoluzione dei concetti e della disciplina, è indagare nuovi orizzonti che potrebbero rimanere nascosti. Una tesi, se progettuale a maggior ragione, dovrebbe essere l’indagare una possibile idea di architettura e “studiarla”, approfondirla nelle sue molteplici sfaccettature, integrandole, sovrapponendole, fino ad identificare il nostro pensiero. Il progetto, così come oggi inteso, acquisisce il significato di “processo”, nel quale la realizzazione diventa la cristallizzazione di uno degli innumerevoli punti di questo processo. “Nulla fino in fondo è mai deciso” 2 , il progetto si evolve; parte da un’idea, approda ad una possibile scelta di un tema, indaga

Anteprima della Tesi di Giacomo Airaldi

Anteprima della tesi: Hyper_Architettura - Spazi nell’età dell’elettronica e dell’informazione. Sovrapposizioni, intrecci, contaminazioni tra reale e virtuale. Un iperpaesaggio alla Fiera di Genova, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Giacomo Airaldi Contatta »

Composta da 516 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6054 click dal 23/12/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.