Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Economia del benessere: modelli teorici e prospettive metodologiche: il caso della percezione della salute

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Movimenti di opinione favorevoli ad un’assistenza ospedaliera estesa all’intera popolazione trovano una concreta realizzazione dei propositi manifestati in seguito ai problemi sanitari posti dalla rivoluzione industriale, che rende visibili e di urgente risoluzione ai fini del mantenimento dell’ordine sociale, le carenze igieniche e le condizioni abitative e lavorative malsane in cui versano masse di lavoratori addensati nelle città industriali. La nascita dei servizi sanitari statali rappresenta una risposta volta ad arginare il peggioramento delle condizioni di vita delle persone e l’insorgenza di nuove patologie, quali il colera e la tubercolosi. Considerevole risonanza viene tributata a livello accademico agli studi sull’igiene, con l’istituzione di pertinenti cattedre universitarie, sulle condizioni insalubri di taluni lavori o ambienti lavorativi nonché sui regimi alimentari più equilibrati. Si apre in definitiva un clima favorevole all’istituzione di servizi sanitari nazionali sulla base di una legislazione organica e consapevole. 6. 2 L’evoluzione della politica sanitaria in Italia. L’Italia liberale, dotata di una legislazione sociale avanzata in materia di assicurazioni pensionistiche e a tutela dei disoccupati, manifesta gravi ritardi rispetto ai maggiori Paersi europei sul piano dell’istituzionalizzazione di un sistema sanitario moderno, carenze e rimandi che si trascineranno ben oltre la prima fase post-unitaria 55 . In precedenza, nelle maggiori città-stato del Trecento si sviluppano i primi Istituti sanitari, come la Magistratura permanente di Milano alla quale erano delegati compiti preventivi, ispettivi e repressivi in ordine a problemi igienico-sanitari. Le prime esperienze di controllo sanitario dall’alto, seppur circoscritto territorialmente alle configurazioni politico-amministrative del tempo rappresentarono un precedente significativo che, scomparse nel Settecento in seguito all’affermazioni di principi ostili alle interferenze istituzionali nella vita della società, furono riproposte con convinzione dopo la falcidia di vite umane causata dal colera nel XIX sec. Nel periodo pre-unitario i differenti Stati italiani varano numerosi provvedimenti sanitari ed i successivi tentativi da parte dello Stato unitario di dare luogo ad una legislazione sanitaria organica caddero nel vuoto fino alla legge n. 5849 per la “ Tutela dell’Igiene e la sanità pubblica” del 1888 55 Giovanna Vicarelli, op.cit.

Anteprima della Tesi di Marilena Bartolomei

Anteprima della tesi: Economia del benessere: modelli teorici e prospettive metodologiche: il caso della percezione della salute, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Marilena Bartolomei Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7496 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.