Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'universo mafioso in Italia dal secondo dopoguerra ad oggi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 6 organizzazioni più o meno strutturate, a seconda dei tempi e delle esigenze, che si propongono di perseguire l’utile economico di un’élite attraverso il controllo e/o la conquista di posizioni di potere politico, la gestione diretta e massiccia dei mercati illegali, nonché l’uso strumentale di sezioni crescenti di mercati legali, l’annullamento dei rapporti di solidarietà civile, utilizzando come mezzo non esclusivo, ma specifico, la violenza. 11 Obiettivo di questo scritto è cercare di dimostrare che la situazione attuale, che parrebbe suggerire un ripiegamento del fenomeno mafia su se stesso, quasi essa fosse stata incapace di reagire ai duri colpi infertile dallo Stato nel corso degli anni ’90, nasconde invece un mutamento strategico. L’attuale condotta, in completa antitesi con quella linea dura scelta e perseguita dal clan dei corleonesi, che pareva prefigurare una vera e propria strategia eversiva di aperta opposizione alle istituzioni, è ispirata alla clandestinità, al basso profilo, ad una presenza costante ma “discreta”, che evita le prove di forza ed il confronto aperto. Si cercherà quindi di provare che al modello organizzativo di riferimento degli anni ’90, che proponeva la mafia in veste di anti-Stato, si è gradualmente sostituito l’attuale, che prevede invece lo Stato mafioso nascosto tra le pieghe dello Stato italiano – quest’ultimo inteso come società - posizione chiaramente antitetica a quella scaturita dall’egocentrismo corleonese, che aveva fatto ritenere ai boss di esercitare un controllo così forte su società ed istituzioni, da potersi permettere azioni eclatanti senza alcun timore di ritorsioni. Il Senatore di Forza Italia Carlo Vizzini, nel corso della seduta del 12 marzo 2002 della Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata mafiosa e similare, a seguito di quanto 11 Ivi, p.15.

Anteprima della Tesi di Diego Dalla Verde

Anteprima della tesi: L'universo mafioso in Italia dal secondo dopoguerra ad oggi, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Diego Dalla Verde Contatta »

Composta da 519 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13096 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.