Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili comparatistici della disciplina del velo islamico, con particolare riferimento al caso francese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Il concetto stesso di laicità nasce con la rivoluzione francese 6 in contrapposizione alla precedente religione di Stato dell’Ancien régime e con la formulazione del diritto alla libertà di coscienza nell’articolo 10 della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789: «Nessuno deve essere perseguitato per le sue opinioni, anche religiose, purché la loro manifestazione non turbi l’ordine pubblico stabilito dalla legge». Nel 1792 viene laicizzato lo stato civile e il matrimonio, mentre nel 1801 viene stipulato il concordato 7 che distingue tra culti leciti e culti ufficialmente riconosciuti. Questi ultimi assumono il ruolo di servizi pubblici e i loro ministri diventano funzionari remunerati dallo Stato. Nel 1804 con l’entrata in vigore del Code civil napoleonico, primo testo legislativo dell’epoca a non contenere alcun riferimento religioso, vengono definitivamente laicizzati i diritti della persona. Il principio di laicità in materia scolastica viene sancito con le leggi del 28 marzo 1882 e del 30 ottobre 1886. Quest’ultima, all’articolo 17, afferma che «nelle scuole pubbliche di tutti i gradi, l’insegnamento è assegnato esclusivamente a un personale laico». Con la legge del 9 dicembre 1905 viene sancita, in un momento di altissima tensione politica, la separazione tra Stato e chiesa. La legge all’articolo 1 afferma: «La Repubblica assicura la libertà di coscienza. Essa garantisce il libero esercizio dei culti sottoponendolo alle sole restrizioni indicate appresso e nell’interesse dell’ordine pubblico» e prosegue all’articolo 2: «La repubblica non riconosce, non finanzia e non sovvenziona alcun culto (…)» 8 . Con questa legge, la 6 All’interno della quale si riconoscono due concezioni di laicità. Una laïcité pacificatrice e una laïcité de combat. Vedi S. Ceccanti, Una libertà comparata, Bologna, il Mulino, 2001, 80. 7 Ancora oggi vigente in Alsazia e Lorena, dato che nel 1905, anno della legge di separazione fra chiesa e Stato, questi territori facevano parte della Germania e nel momento della riannessione alla Francia, avvenuta nel 1919, la popolazione era favorevole a mantenere il regime concordatario. 8 Traduzione libera dal testo in francese reperibile all’indirizzo Web http:// legifrance. gouv. fr/ texteconsolide/ MCEBW. htm Indirizzi Internet aggiornati al 25 ottobre 2004.

Anteprima della Tesi di Marcello Garreffa

Anteprima della tesi: Profili comparatistici della disciplina del velo islamico, con particolare riferimento al caso francese, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marcello Garreffa Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7520 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 39 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.