Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili comparatistici della disciplina del velo islamico, con particolare riferimento al caso francese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Francia cerca dunque di superare qualsiasi distinzione tra culti riconosciuti e non riconosciuti, con la conseguenza di eliminare ogni sovvenzione, diretta e indiretta, alle associazioni religiose 9 . Con la Costituzione del 1946 il principio di laicità sale al vertice della gerarchia legislativa. Essa considera come «dovere dello Stato organizzare un insegnamento pubblico gratuito e laico a tutti i livelli». Si riferisce inoltre ai «principi fondamentali riconosciuti dalle leggi della Repubblica» all’interno dei quali, secondo Jean Baubérot (Professore a l’Ecole Pratique des Hautes Études, Direttore del gruppo di sociologia delle religioni e della laicità, nonché membro della futura Commissione Stasi) rientrerebbe anche la legge di separazione fra Stato e chiesa del 1905 oltre alle libertà di insegnamento e di coscienza 10 . Il concetto di laicità è ripreso dalla costituzione del 1958 che all’articolo 2 afferma «la Francia è una Repubblica laica (…) assicura l’uguaglianza davanti alla legge di tutti i cittadini senza distinzione di origine, di razza o di religione». Il momento di svolta si ha con la legge Debré 11 del 1959, con cui il legislatore vuole superare la rigida separazione fra insegnamento pubblico e privato e che segna l’attenuazione di quella che viene definita la «separazione ostile» fra Stato e religioni che aveva raggiunto l’apice con la riforma del 1905. Con questa legge, infatti, si tenta di riavvicinare l’insegnamento pubblico (laico) e privato (confessionale), senza rimettere in discussione la personalità di quest’ultimo. Vengono quindi create due nuove figure di scuole private: quelle sottoposte a contratto semplice e quelle caratterizzate da 9 S. Ceccanti, op.cit, 79 ss. 10 J. Baubérot, articolo intitolato La Laïcité – Analyses et réflexions, gennaio 2001, consultabile all’indirizzo Web http:// archives. premier-ministre. gouv. fr/ jospin_ version3/ fr/ ie4/ contenu/ 18975. htm Nello stesso articolo Baubérot afferma che «Se la laicità non costituisce una “eccezione francese” (…) si può tuttavia scrivere che, globalmente, si tratta di una “invenzione francese”». 11 Legge Debré del 31 dicembre 1959. Consultabile sul sito Web http:// www. assemblee-nat. fr/ 12/ dossiers/ documents-laicite/ loi-debre-1959. pdf

Anteprima della Tesi di Marcello Garreffa

Anteprima della tesi: Profili comparatistici della disciplina del velo islamico, con particolare riferimento al caso francese, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marcello Garreffa Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7520 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 39 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.