Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Comunicazione pubblica e customer satisfaction. Il caso dello Sportello del Cittadino di Spoleto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 La comparsa della democrazia formale 1 richiede, secondo l’autore, la costruzione di un apparato amministrativo conforme ai suoi principi, questo apparato è la burocrazia. Solo questa infatti è in grado di prevedere in linea di principio per tutti i cittadini pari diritti e doveri, trattamenti uguali, imparziali e conformi alle norme, che vanno dalle prestazioni dei servizi cui ogni cittadino ha diritto: giustizia, istruzione, sanità, ordine pubblico, al pagamento delle tasse. L’apparato burocratico si struttura, secondo Weber, sulla base di alcuni principi chiave: quelli di competenza e divisione dei compiti, di esercizio del potere conformemente a norme prestabilite, di gerarchia e di conservazione del segreto d’ufficio, ossia la conservazione di tutti gli atti relativi al funzionamento dell’apparato, che è rigidamente separato dalla vita privata dei funzionari. Ai burocrati è richiesta un’attività professionale a tempo pieno, che si fonda su una preparazione specializzata: da qui la superiorità tecnica della burocrazia rispetto alle precedenti forme amministrative e l’intrinseca razionalità dell’agire burocratico, informato a criteri di razionalità rispetto allo scopo. Tali criteri sono quelli di metodicità e di neutralità affettiva. L’individuo che agisce razionalmente rispetto allo scopo persegue con costanza e con metodo gli obiettivi, valuta i mezzi in rapporto agli scopi, gli scopi in rapporto alle conseguenze e valuta eventualmente anche i possibili scopi in rapporto tra loro, calcolando costi e benefici, adattando gli specifici obiettivi alle circostanze, escludendo qualsiasi emotività. Ciò fa si che gli atti burocratici siano in linea di principio più efficienti, più economici, più oggettivi degli atti compiuti nelle amministrazioni preburocratiche. Imparzialità, trattamenti uguali e prevedibili ispirati a regole certe, tecnicismo e divisione del lavoro – ma anche impersonalità e staticità – sono, per l’autore tedesco, caratteristiche sviluppatisi con l’avvento della democrazia di massa, come risposta agli antichi arbitri e privilegi. 1 L’espressione ‹‹democrazia formale›› si distingue da quella di ‹‹democrazia sostanziale››, la prima indica un certo insieme di mezzi, i cosiddetti ‹‹universali procedurali››, ossia un insieme di regole procedurali per la costituzione del governo e per la formazione delle decisioni politiche; la seconda espressione indica invece un certo insieme di fini, qual è soprattutto il fine dell’uguaglianza non soltanto giuridica ma anche sociale se non economica, indipendentemente dalla considerazione dei mezzi adoperati per raggiungerli. (Bobbio N. in Dizionario di politica , UTET, pagg. 305-306 ).

Anteprima della Tesi di Morena Morante

Anteprima della tesi: Comunicazione pubblica e customer satisfaction. Il caso dello Sportello del Cittadino di Spoleto, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Morena Morante Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5578 click dal 19/11/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.