Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Contabilità direzionale e controllo di gestione nelle imprese ad elevato contenuto innovativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 I 2 RELAZIONI TRA CONTABILITA' DIREZIONALE, CONTABILITA' GENERALE E CONTABILITA' DEI COSTI Si riteneva in passato che la contabilità direzionale fosse asservita alla contabilità generale, poiché era convinzione che quest'ultima fosse la colonna portante di un sistema di management. Questa convinzione era destinata a tramontare. Un sistema di contabilità generale svolge il compito di fornire informazioni su quanto è successo in passato ai vari portatori di interesse. Tale funzione è fondamentale per l'utenza esterna e per l'amministrazione finanziaria, ma ai fini della gestione interna ha un valore molto limitato. Come afferma H.Thomas Jhonson, "..l'eccessiva attenzione data alla contabilità generale, quale fonte primaria di informazioni per la contabilità direzionale, ha impedito ai manager, fino a poco tempo fa, di badare alle pressioni della competizione globale". L'unica ragione plausibile per cui i responsabili di contabilità direzionale potrebbero permettere che le informazioni da loro generate vengano poste in posizione subordinata rispetto ai G.a.a.p. (acronimo di General Accepted Accounting Principles) potrebbe essere dovuta al fatto che un sistema basato su entrambe le misure (contabilità generale e direzionale) potrebbe generare costi eccessivi., anche se bisogna considerare che si sono notevolmente ridotti i costi di archiviazione e gestione dati rispetto a pochi anni fa. Per quanto concerne la contabilità dei costi, essa continuerà a fornire i valori delle rimanenze (ove ve ne siano) e il costo dei beni prodotti e venduti, in conformità con i principi contabili. Pertanto la contabilità dei costi diviene parte integrante del più vasto campo della contabilità direzionale. Essa fornisce informazioni di costo, su prodotti e servizi, di estrema rilevanza per i manager, perseguendo due finalità:

Anteprima della Tesi di Paolo Martini

Anteprima della tesi: Contabilità direzionale e controllo di gestione nelle imprese ad elevato contenuto innovativo, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Martini Contatta »

Composta da 236 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7874 click dal 09/11/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.