Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi irachena dell'aprile-maggio 1941 nella politica della Seconda Guerra Mondiale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 “La Germania [l’Italia], che è sempre stata animata da sentimenti di amicizia per gli Arabi e nutre la speranza che essi possano prosperare ed essere felici ed assumere un posto tra i popoli della Terra in accordo con la loro importanza storica e naturale, ha sempre osservato con interesse la lotta dei paesi arabi per ottenere la loro indipendenza. Nei loro sforzi per il raggiungimento di questo obiettivo i paesi arabi possono contare sulla piena simpatia della Germania [dell’Italia] anche per il futuro. Nel fare questa dichiarazione, la Germania [l’Italia] si trova in pieno accordo con il suo alleato italiano [tedesco]”. 20 La dichiarazione venne trasmessa in lingua araba da Radio Berlino e Radio Bari il 23 ottobre 1940 e pubblicata sulla stampa tedesca il 5 dicembre. I rapporti dell’Asse con gli Arabi continuarono ad avere poca attinenza con la condotta generale della guerra. L’obiettivo degli italiani era il raggiungimento del Canale di Suez; il 13 settembre 1940 avevano attraversato la frontiera libico- egiziana ed erano penetrati per un’ottantina di chilometri, fino a Sidi Barrani. Nel frattempo la strategia tedesca andava subendo importanti modifiche. In origine Hitler aveva previsto un assalto diretto alle Isole Britanniche (direttiva n°16 del 16 luglio 1940), considerata la certezza che Londra non sarebbe scesa a patti. Allo stesso tempo riteneva che una delle ragioni di questo comportamento da parte britannica fosse la speranza di un aiuto sovietico. 21 Perciò il Führer partorì l’idea di una “blitzkrieg”, una guerra-lampo contro l’URSS. 22 20 DGFP, Series D , vol.XI, n°190. 21 Cfr. Geoffrey Warner, op. cit., p. 57. 22 Hitler non si preoccuperà di informare Mussolini delle proprie reali intenzioni nei confronti dell’URSS fino alla vigilia dell’attacco. Cfr. lettera del 21 giugno 1941 al Duce (DDI, IX serie, vol. VII, n° 288).

Anteprima della Tesi di Davide Negri

Anteprima della tesi: La crisi irachena dell'aprile-maggio 1941 nella politica della Seconda Guerra Mondiale, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Davide Negri Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 764 click dal 09/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.