Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 alla felicità e alla pace”, come recita una famosa strofa dell’inno nazionale della DDR, scritto nel 1949 da Johannes R. Becher. La classe dirigente della DDR si preoccupa subito, proprio come avevano fatto in precedenza i russi - con doppie razioni di cibo nell’immediato dopoguerra e con facilitazioni economiche poi - di aiutare gli intellettuali, dimostrando come in un paese dove la maggioranza della gente guarda ai russi con terrore, la loro opera di “traduzione” delle idee socialiste avrebbe reso più facile ottenere il consenso della popolazione che ripone in loro grande fiducia 23 . Gli aiuti per la sopravvivenza risultano sufficienti solo in tempo di guerra e quindi subito dopo ci si premura di aiutare scrittori e artisti a trovare un alloggio o addirittura si provvede alla costruzione di case per loro, come testimonia Brecht in una sua poesia: “Tornato dopo quindici anni di esilio / mi sono trasferito in una bella casa / guidando tra le macerie / mi vengono ricordati quotidianamente i Privilegien /che mi hanno procurato questa casa” 24 . Questi Privilegien diventano poi sempre più veri e propri sostentamenti economici, poiché una volta ricostituite l’Accademia degli scienziati e quella degli artisti, viene deciso di elargire ai membri delle suddette istituzioni un Ehrensold, uno stipendio d’onore che si aggiunge alla possibilità di guadagno loro offerta dall’autorizzazione a insegnare. Tuttavia non si può negare che questi privilegi sono sì ben accetti agli intellettuali, ma c’è anche chi, come Brecht, nel prosieguo della sua poesia dichiara: “Spero / (che questi privilegi) non mi rendano paziente nei confronti delle carenze / nelle quali molte migliaia si trovano” 25 . 23 Cfr. W. Mittenzwei, op. cit., p. 79. 24 B. Brecht, Werke, cit. in Ibidem. 25 Ibidem.

Anteprima della Tesi di Riccardo Tulli

Anteprima della tesi: Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta'', Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Riccardo Tulli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2976 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.