Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 che a partecipare alla ricostruzione del Paese dal punto di vista politico, sociale ed economico. Tale era stata, evidentemente, la penuria e la fame d’acquisti nel regime socialista. Quelle folle di cittadini, in fila per le strade dello shopping berlinese, rammaricano gli autori, i quali, resisi conto dell’abbandono del popolo, riportano la cultura alla sua nicchia originaria. Nel tentativo di mostrare come negli ambienti intellettuali non ci fosse unanimità sulle decisioni da prendere si inseriscono i dissensi di molti autori e le veementi critiche provenienti da colleghi emigrati, alcuni volontariamente, altri no come Wolf Biermann, all’Ovest. Ed è proprio sul pensiero di questo satirico cantautore e di altri intellettuali occidentali, in primis il futuro premio Nobel Günter Grass, che ho incentrato la terza parte della tesi volendo illustrare le posizioni di personaggi legati più ad un mondo culturale “pantedesco” piuttosto che ad uno dei due stati. Le loro storie sono profondamente diverse ma altrettanto interessanti per comprendere con quale occhio l’intellighenzia occidentale potesse considerare quella orientale. Biermann e Grass sono concordi nel condannare sia l’esperimento comunista sia i progetti di riunificazione delle due Germanie, ma allo stesso tempo appaiono come i più strenui difensori della DDR e della sua autonomia politica e culturale. Analizzare il passato tedesco senza pensare immediatamente ad Auschwitz è molto difficile, anche a sessanta anni di distanza, e perciò mi è parso interessante studiare, nell’ambito di questa terza sezione, anche le posizioni di alcuni autori ebrei sulla riunificazione tedesca: alle preoccupazioni di un autore della vecchia generazione che ha vissuto in prima persona l’Olocausto, Elie Wiesel, risponde la figura emblematica di un giovane professore ebreo fiducioso nella nuova Germania, Michael Wolfsohn.

Anteprima della Tesi di Riccardo Tulli

Anteprima della tesi: Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta'', Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Riccardo Tulli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2976 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.