Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme di collaborazione interculturale. Obiettivi e performance della Fondazione ''Aiutare i bambini''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La rinascita delle fondazioni in Italia: il caso della Fondazione “Aiutare i bambini” 16 ¾ La crescita del livello occupazionale: se l’analisi condotta nel 1997 da Demarie mostrava come il livello delle risorse umane impiegate ammontasse a solo 10.000 addetti, alla fine del 2001 l’indagine del CDf mostra come il settore impieghi stabilmente più di 55.000 persone, alle quali deve essere aggiunto l’apporto lavorativo di oltre 63.000 volontari. Come è possibile notare la realtà delle fondazioni italiane sta gradualmente mutando nell’ultimo periodo e questi cambiamenti sono dovuti a due motivazioni in particolare: 1) Motivazione Legislativa: una prima spiegazione può essere addotta al più favorevole quadro legislativo che si è venuto a creare nell’ultimo periodo, compresa ad esempio la semplificazione e abbreviazione dei tempi necessari al riconoscimento delle persone giuridiche private 12 . A partire dagli anni ’80 è iniziato un processo di ripensamento profondo della spesa pubblica italiana, che ha portato gradualmente ad una restituzione dei servizi pubblici al mercato e ad un arretramento delle funzioni statali a favore di una maggior partecipazione dei privati. Questo processo di deregulation si è concretizzato in particolare in diversi interventi legislativi, alcuni dei quali hanno incentivato sempre più l’utilizzo dello strumento giuridico della fondazione per la privatizzazione di istituzioni pubbliche. In questa sede in particolare si vogliono ricordare soltanto i seguenti passaggi: ¾ D.P.C.M 16 febbraio 1990: possibilità di privatizzazione delle IPAB (Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza). Esistono oggi all’incirca 1.100 fondazioni che derivano dalla trasformazione giuridica delle IPAB. ¾ L. 30/7/90 n. 21, cosiddetta L. Amato: creazione delle Fondazioni di origine bancaria. ¾ D. Lgs. 367/96 e D. Lgs. N. 134 del 23 aprile 1998: trasformazione degli enti lirici e delle altre istituzioni concertistiche in fondazioni giuridiche di diritto privato ¾ D. Lgs. 368/98: creazione dello strumento giuridico delle fondazioni di partecipazione pubblico-privata ¾ D. Lgs. 267/00 e Legge finanziaria 2002: possibilità per gli enti locali di costituire fondazioni di diritto privato per la gestione dei servizi Un ulteriore fattore che può aver contribuito inoltre ad incentivare la formazione e lo sviluppo delle fondazioni è stata la nuova disciplina tributaria introdotta dal D. Lgs. 460/97, che ha 12 Prima del 1977 una fondazione per ottenere la personalità giuridica doveva essere riconosciuta con un decreto del Presidente della Repubblica, che spesso per motivazioni burocratiche tardava ad arrivare. A partire dal 1977 le fondazioni che limitano la loro azione a livello locale possono ottenere il riconoscimento e la personalità giuridica direttamente con un decreto regionale. Inoltre, a partire dal 1991, i decreti di riconoscimento delle fondazioni attive a livello nazionale vengono emessi dai singoli ministeri vigilanti e non più dal Presidente della Repubblica.

Anteprima della Tesi di Lucia Pizzini

Anteprima della tesi: Forme di collaborazione interculturale. Obiettivi e performance della Fondazione ''Aiutare i bambini'', Pagina 10

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Lucia Pizzini Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1401 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.