Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme di collaborazione interculturale. Obiettivi e performance della Fondazione ''Aiutare i bambini''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La rinascita delle fondazioni in Italia: il caso della Fondazione “Aiutare i bambini” 18 Nel corso di questo elaborato si andranno pertanto ad analizzare le caratteristiche costitutive, gli obiettivi e le performance della Fondazione “Aiutare i bambini”, un esempio di fondazione erogativa nel panorama nazionale, in grado di testimoniare in maniera evidente il mutamento e la rinascita cui le fondazioni italiane stanno andando incontro, come si ha avuto occasione di accennare brevemente in queste pagine. 2 Un esempio di fondazione erogativa: la Fondazione “Aiutare i bambini” La Fondazione “Aiutare i bambini” 16 è una fondazione erogativa di diritto civile dedita all’assistenza dei bambini poveri, ammalati, emarginati e senza istruzione scolastica. “Aiutare i bambini” è una realtà laica e indipendente da qualsiasi partito e religione, sorta a Milano il 18 gennaio 2000 e registrata presso gli Atti Pubblici N° 3211/71/M, Serie 1A. Nel luglio del 2001 “Aiutare i bambini” ha ricevuto il riconoscimento giuridico da parte della Prefettura di Milano ed è così regolarmente iscritta nel registro delle persone giuridiche 17 . Prima di addentrarmi nella descrizione dello scopo e delle attività di “Aiutare i bambini”, credo che sia giusto considerare le circostanze da cui ha preso origine e la storia del suo fondatore, dal momento che si riveleranno strumenti sicuramente utili a comprendere l’impostazione e le modalità di gestione della stessa. “Aiutare i bambini” è nata grazie all’iniziativa dell’ing. Goffredo Modena che, in seguito ad una vita intensa di lavoro nel profit, ha deciso di rivoluzionare la propria vita e mettere a disposizione la sua professionalità per aiutare i più deboli. L’ing. Modena infatti, dopo una vita passata nel settore delle telecomunicazioni, nel 1981 divenne azionista di minoranza della Forem srl, una società di Agrate Brianza che opera tuttora nel mercato delle telecomunicazioni mobili. «Quando sono arrivato in Forem – racconta l’ingegnere – l’azienda aveva 30 dipendenti ed un fatturato di 1 miliardo di Lire, quando l’ho lasciata ci lavoravano 450 persone e il fatturato era salito a 260 miliardi». Dopo essere diventato azionista di 16 A partire da questo momento si farà riferimento alla Fondazione “Aiutare i bambini” attraverso la sua sola denominazione “Aiutare i bambini”. 17 “Aiutare i bambini” è stata riconosciuta in data 10/07/2001 dalla Prefettura di Milano con Protocollo N° 14.12.462 sett 2° ed è stata iscritta al N° 40 del Registro delle Persone Giuridiche, mentre in data 20/09/2001 ha ottenuto il riconoscimento anche da parte della Regione Lombardia. Figura 1 – L’ingresso della sede di “Aiutare i bambini”

Anteprima della Tesi di Lucia Pizzini

Anteprima della tesi: Forme di collaborazione interculturale. Obiettivi e performance della Fondazione ''Aiutare i bambini'', Pagina 12

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Lucia Pizzini Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1401 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.