Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondazioni per l'arte contemporanea: verso la definizione di un modello gestionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 sopravvivenza da un punto di vista finanziaria dell’istituzione. Il curatore è oggi un critico attento, sempre aggiornato sulle nuove tendenze, colui che per essere a caccia di novità è sempre in giro a promuovere la propria istituzione, se stesso, gli artisti nei quali crede, e sempre pronto a interagire con gli eventi e il circuito dell’arte. Immancabilmente presente a tutti gli appuntamenti internazionali di maggior risalto, mostre di grido ma anche grandi manifestazioni espositive periodiche come Biennale di Venezia, di Valenza, di Instanbul, di Lione, Documenta di Kassel; attento alle nuove tendenze e informato sugli andamenti del mercato dell’arte, propositivo, egli, deve essere sempre in grado di estendere la propria cultura in maniera parallela e multi disciplinare. Dunque lo spazio espositivo non è soltanto il punto di arrivo né per l’artista né per il curatore, “lo spazio espositivo della mostra è diventato negli ultimi decenni il luogo fondamentale di accadimento del processo creativo e di costruzione del discorso critico” 6 . Nonostante la forte necessità e richiesta di investire in mostre espositive temporanee, la collezione permanente resta una ricchezza con cui ogni museo o istituzione privata tendono a identificarsi, spesso esposta a rotazione, alle volte può invece essere totalmente rimossa per lasciare lo spazio a una grande mostra. La collezione permanente resta comunque un riferimento nell’attività museale, il dovere che il museo d’arte contemporanea ha di iniziare a investire su se stesso per un futuro prossimo, per la memoria futura dell’attuale contemporaneità. Paradossalmente sottoforma di ossimoro l’espressione conservare il contemporaneo risulta sempre più imprescindibile: catalogare il lavoro degli 6 M. Bortolotti, Il critico come curatore, Silvana editore, 2003, p.32.

Anteprima della Tesi di Barbara Martorelli

Anteprima della tesi: Fondazioni per l'arte contemporanea: verso la definizione di un modello gestionale, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Barbara Martorelli Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7764 click dal 02/12/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.