Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra forma e simbolo: l'inviolato in psicoanalisi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Da lattante l’individuo otterrà dalle esperienze estetiche una base affettiva che permetta di scansare gli ostacoli che si frappongono all’integrazione, selezione e distinzione degli stimoli interni ed esterni nel recepimento di senso con l’ambiente. L’ ambiente materno, nel suo adoperarsi in mansioni di cura fisico-psichiche, nell’atto apollineo di risanare il corpo, sia il neonato nella sua incessante apertura verso il mondo, non fanno che tessere le forme che costituiscono la possibilità di poter ricongiungere la parte mancante della moneta, dell’uomo simbolico. In tale ambiente è primario recepire il bisogno affettivo prima che di senso, poiché le fondamenta dell’apparato per pensare i pensieri (Bion) poggiano prima di tutto sui significati affettivi-sensoriali delle esperienze estetiche che il neonato intrattiene con l’oggetto trasformativo, con la madre-processo (Bollas). Oggetti trasformativi guidati dalla mano del fato-caos e dall’esperienza estetica… “…La genetica e le neuroscienze cominciano a descriverci alcuni processi sottesi a questo equilibrio(quello mente-corpo, ambiente-base genetico biologica) e ci mostrano, ben lungi da un determinismo monolitico[…]Quello che viene trasmesso dai cromosomi è la forma dei programmi, la modalità di relazione tra gli oggetti-contenuto, ciò che consente alle molecole e alle cellule di essere in continuo movimento come è naturalmente previsto per il metabolismo, pur permanendo l’individuo sempre lo stesso…” 3 . Il neonato, già dà feto ed embrione, possiede in potenza tutti gli elementi per il suo sviluppo; anche il simbolo è sempre presente in potenza, ma dopo la spezzatura è necessario che emerga la forma che rimandi in negativo, in potenza, alla sua mancanza. 3 Fava Vizziello G. “ Psicopatologia dello sviluppo” Il Mulino Bologna 2003 pag.125

Anteprima della Tesi di Francesco Sinatora

Anteprima della tesi: Tra forma e simbolo: l'inviolato in psicoanalisi, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Francesco Sinatora Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2645 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.