Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo dei distretti industriali nello sviluppo economico italiano. Il caso del distretto tessile di Prato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 produttive, di comportamenti tipici e di istituzioni attraverso i quali la società locale interagisce con l’organizzazione produttiva. Quelli focalizzati su un’industria principale, costituita per la maggior parte da unità produttive di piccola e media dimensione, la cui numerosità approssima la presenza di una divisione del lavoro fra unità specializzate della stessa industria, vengono riconosciuti come “distretti industriali”. Negli studi che hanno per oggetto i distretti industriali, questi appaiono come centri duraturi e importanti di una o poche attività industriali, caratterizzati, primo, da una miriade sempre rinnovantesi di piccole imprese che risultano spesso molto specializzate fra di loro; e, secondo, da una rilevante integrazione fra fenomeni produttivi e fenomeni socio-culturali, che passa per una rete di famiglie e di altre istituzioni insediate nei centri stessi. Concludendo: di definizioni, interpretazioni e tentativi, più o meno interessanti, volti alla creazione di un’immagine più nitida della realtà distrettuale, se ne possono trovare in gran quantità nella letteratura economica (e non solo!). Tuttavia, occorre riconoscere, almeno secondo il mio punto di vista, che quello che ci apprestiamo ad analizzare nelle prossime pagine, è un fenomeno che per sua stessa definizione risulta essere un aggregato di comportamenti, relazioni, strategie che danno vita a modelli produttivi e organizzativi sempre diversi, che in qualche modo si armonizzano alla realtà fisica in cui essi si sviluppano e le cui ragioni di successo, ma anche di insuccesso (infatti, non è detto che ogni modello distrettuale abbia le carte in regola per competere sul mercato) dipendono da un fitto tessuto storico- culturale che è l’identità propria di una determinata area-sistema.

Anteprima della Tesi di Antonio Trotta

Anteprima della tesi: Il contributo dei distretti industriali nello sviluppo economico italiano. Il caso del distretto tessile di Prato, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Trotta Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8088 click dal 02/03/2005.

 

Consultata integralmente 72 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.