Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Corporate Governance e Performance Bancarie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2. La letteratura di riferimento Pagina 14 L’ipotesi di partenza consiste nell’attendersi di riscontrare una relazione solida e consistente in grado di legare tra loro i cambiamenti nello stipendio (o altre forme di emolumenti 3 ) del Ceo e i cambiamenti nella performance della banca. I risultati si dimostrano consistenti con l’assunto iniziale e sono in grado di comprovare una relazione positiva e statisticamente significativa tra le per- formance delle banche e lo stipendio dei Ceo. Questo dimostra e supporta l’ipotesi che gli azionisti siano realmente nella condizione di incidere con effica- cia sulla composizione del Cda, in modo da favorire comportamenti allineati ai loro interessi. Un’ulteriore conclusione alle quale giungono è che il legame tra lo stipen- dio del Ceo e la performance della banca tende a perdere intensità, anche se non in modo sistematico, quanto più il Ceo prolunga il suo mandato. Un esempio paradigmatico degli studi che analizzano, invece, il contesto italiano può essere il lavoro di Giorgio Brunello (Università di Padova), Clara Graziano (Università di Udine) e Bruno M. Parigi (Università di Padova) intitola- to “CEO turnover in insider-dominated boards: The italian case 4 ” apparso sul Journal of Banking & Finance n° 23 del 2003. Questo studio si propone di analizzare la forza della relazione tra il turnover del Ceo, la performance, la concentrazione proprietaria e l’eventuale partecipazione proprietaria del Ceo medesimo su di un campione di 60 società private quotate alla borsa valori tra gli anni 1988 – 1996. Innanzitutto essi cercano di fornire un quadro di riferimento per il conte- sto italiano: nel quale la concentrazione proprietaria, il controllo familiare, l’esiguo numero di investitori istituzionali e il loro scarso attivismo rappresenta- no cause prime di una corporate governance italiana alla mercé degli insiders. 3 Con emolumenti si intende non solo la retribuzione per la prestazione professionale, ma anche altri stru- menti di incentivazione del top management quali, ad esempio, le stock options. 4 Brunello G., Graziano C. e Parigi B. M., CEO turnover in insider-dominated boards: The Italian case, Journal of Banking & Finance 27, Elsevier, 2003.

Anteprima della Tesi di Luca Anceschi

Anteprima della tesi: Corporate Governance e Performance Bancarie, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Anceschi Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8344 click dal 12/11/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.