Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ruolo dell'attenzione nella percezione visiva dell'orientamento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 centro-off con una zona centrale inibitoria e una periferica eccitatoria; le dimensioni dei campi recettivi variano da una cellula gangliare all’altra, a seconda delle zone della retina. Ogni zona della retina possiede, infatti, sottoclassi diverse di cellule gangliari con proprietà morfologiche e funzionali distinte. La struttura dei campi recettivi è un’esempio di organizzazione antagonistica analoga a quella utilizzata dal sistema somatosensoriale. Le cellule specifiche per l’orientamento, possiedono marcate differenze al loro interno, non solo nell’orientamento ottimale dello stimolo o nella posizione del campo recettivo sulla retina, ma differiscono soprattutto nel comportamento, ed è per questo che sono state definite in modo differente e suddivise in: cellule semplici, complesse ed ipercomplesse. Fino alla fine degli anni cinquanta, pochissimi ricercatori avevano provato a registrare le risposte da singole cellule della corteccia visiva, e coloro che lo avevano fatto non avevano ottenuto risultati incoraggianti. Le cellule della Corteccia visiva sembrano lavorare in modo molto simile a quelle della retina: furono individuate cellule centro on e cellule centro off, più un’altra classe di cellule che non rispondevano per niente agli stimoli luminosi.

Anteprima della Tesi di Floranna Greco

Anteprima della tesi: Ruolo dell'attenzione nella percezione visiva dell'orientamento, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Floranna Greco Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8550 click dal 21/12/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.