Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ruolo dell'attenzione nella percezione visiva dell'orientamento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 I.1. L’organizzazione funzionale della retina La retina è una parte integrante del Sistema Nervoso Centrale, è proprio a partire da questo organo che partono quegli stimoli che sviluppano le interconnessioni necessarie per l’orientamento nello spazio. I.1.1. I coni e i bastoncelli La retina è costituita da due tipi di neuroni, i coni e i bastoncelli, un tipo di fotorecettori che rispondono in modo differente a diverse intensità di luce. I coni rispondono alle alte intensità di luce e assicurano la visione diurna, ed è qui che ha inizio il lungo processo di analisi delle forme e dei colori degli oggetti, che si concluderà solo a livello corticale. I bastoncelli, numericamente maggiori, sono attivi alle basse intensità di luce, e assicurano la visione notturna. I coni vengono poi suddivisi in tre tipi a seconda dello spettro di assorbimento del pigmento visivo in essi contenuto. La presenza nella retina di due tipi di recettori che assorbono luce di diversa lunghezza d’onda, costituisce la base per la visione dei colori. Sia i coni che i bastoncelli presentano un corpo centrale dove hanno sede gli apparati che controllano le attività metaboliche e sintetiche della cellula.

Anteprima della Tesi di Floranna Greco

Anteprima della tesi: Ruolo dell'attenzione nella percezione visiva dell'orientamento, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Floranna Greco Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8550 click dal 21/12/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.