Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pattern di attaccamento e disturbi del comportamento alimentare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 prima volta utilizzò il termine di “anoressia nervosa” attribuendo la causa della malattia ad uno stato mentale particolare dovuto ad un’emozione tenuta nascosta dalla paziente. Fino ai primi del XX° secolo si riteneva che questo tipo di malattia avesse come base solo un’alterazione psichica: tutti gli autori indicavano come cura la terapia psicologica consigliando l’isolamento della paziente. Anche Charcot (1885) considerava l’isteria come substrato della struttura anoressica senza considerare che strutture psicologiche differenti dagli isterici si ritrovavano nell’anoressia mentale. Nel 1914, fu Simmonds, descrivendo la morte di una ragazza con cachessia il cui esame autoptico evidenziava un’atrofia del lobo anteriore dell’ipofisi, a porre l’accento sull’origine fisiologica della patologia. Successivamente questa ipotesi sarà smentita dall’evidente inefficacia dei trattamenti ormonali nella cura della malattia: in quel momento sarà dimostrata la secondarietà della sintomatologia endocrina in rapporto al disturbo maggiore costituito dall’assenza dell’appetito (E.J. Kestemberg, 1972). La concezione isterica dell’anoressia mentale viene ampliata da S. Freud e tutta la sua scuola: anche se non ha mai affrontato apertamente la malattia, S. Freud, pone l’accento sull’aspetto depressivo dell’anoressia proprio nella descrizione di alcuni casi clinici. In “Un caso di guarigione per ipnosi” (1893) e “Studi sull’isteria” (1895) l’autore rinvia l’anoressia ad un sintomo di conversione, pur mettendo l’accento sulla rimozione dell’erotismo orale. Nei “Tre Saggi Sulla Teoria Sessuale” (1905) però Freud stabilisce una relazione diretta tra la sensibilità esogena bucco-labiale e i disturbi della suzione che ne dipendono e la rimozione dell’appetito: descrive la sessualizzazione delle funzioni alimentari per fissazione all’erotismo orale, alla zona

Anteprima della Tesi di Matteo Salvatori

Anteprima della tesi: Pattern di attaccamento e disturbi del comportamento alimentare, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Matteo Salvatori Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22248 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.