Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cornelius Castoriadis ed il progetto dell'autonomia nell'epoca della globalizzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 il filosofo tedesco si era rivolto con diffidenza ( pur facendovi spesso riferimento). Gli scrittori anarchici mostrarono cose che Marx aveva tralasciato come ad esempio il modo in cui i lavoratori avrebbero potuto organizzare le loro imprese nella società socialista, in pratica essi, Mostrarono come i lavoratori avrebbero potuto creare comitati per gestire una qualunque fabbrica o attività particolare; come i comitati si sarebbero potuti federare tra loro in una struttura decentrata estesa all’intera società; come le municipalità locali avrebbero dato vita a sistemi democratici , federandosi anch’essi in una struttura politica; come un autogoverno a livello di base si sarebbe dimostrato infinitamente più efficace e produttivo di qualunque dispotismo fondato su ordini impartiti dall’alto. In una parola, questi autori erano degli utopisti. 1 Il merito di questa tradizione non fu solo quello di descrivere le possibili organizzazioni socialiste di una ipotetica società sotto il segno di tali colori, ma anche quella di mettere in evidenza i limiti stessi dei capi marxisti i quali venivano accusati di essere dei dittatori. Difatti l’ idea da parte dei capi marxisti di essere gli unici detentori della scienza , ad altro non avrebbe portato che alla instaurazione di uno stato totalitario. E in effetti la Russia stalinista fu proprio questo. I critici anarchici del marxismo scomparirono, in breve, quasi del tutto e la critica nei confronti del bolscevismo o comunque del totalitarismo comunista passò nelle mani di gruppi comunisti rappresentati , per esempio, da Rosa Luxemburg alla fine del 1800: furono i cosiddetti “socialisti rivoluzionari”. A questi fecero eco altri gruppi simili in quanto a ideali, ma tutti accomunati da un destino misero che li avrebbe relegati nell’oblio ben presto. 1 Paul Berman , Cornelius e l’eresia permanente, in Micromega n . 4 / 1999 , cit. p. 259

Anteprima della Tesi di Francesco Petrone

Anteprima della tesi: Cornelius Castoriadis ed il progetto dell'autonomia nell'epoca della globalizzazione, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Petrone Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1919 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.