Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cornelius Castoriadis ed il progetto dell'autonomia nell'epoca della globalizzazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 L’unica piccola eccezione fu rappresentata dai seguaci di Trockij i quali , dopo il suo assassinio nel 1940, diedero vita a movimenti ispirati ai suoi ideali. Questi movimenti ebbero una prima diffusione in america dove si consolidarono grazie alle penne autorevoli di scrittori come James Burnham, Dwight Macdonald e altri i quali sembravano sul punto di aprire un nuovo capitolo della storia di sinistra. Negli Stati Uniti, tuttavia, tale movimento non ebbe l’eco e le possibilità di realizzazione previste, poiché mancava una salda coesione tra gli autori accomunati dalle idee trotzkiste. Ma il caso americano è per noi importante poiché il giornale di Castoriadis e Leford si ispirò alle idee dei suddetti scrittori. Socialisme ou Barbarie era l’ omologo francese del Workers Party americano , differenziandosi da esso per una maggiore rigorosità sul piano filosofico e una diretta critica dell’unione sovietica, cosa che invece i colleghi d’oltreoceano avevano tralasciato, tralasciando la critica al nucleo del problema della degenerazione del comunismo. La missione che si era prefissato Socialisme ou Barbarie era quella di sgomberare le idee socialiste dalle false concezioni. Ad esempio Castoriadis riteneva che la rivoluzione socialista se si fosse realizzata nelle mani di una piccola oligarchia che voleva fare le veci del popolo, si sarebbe rivelata inutile e comunque non avrebbe rispettato le idee di uguaglianze del popolo come ad esempio in Grecia era stato fatto. Una rivoluzione in mano a una burocrazia sarebbe stata una dittatura. E in effetti l’ Unione Sovietica ne rappresentava un esempio tangibile. Castoriadis voleva eliminare l’alienazione dell’ individuo e , in base all’ eredità anarchica da lui ricevuta , voleva attuare tale proposito per mezzo della libertà individuale che avrebbe fatto dell’ uomo un essere capace di godere del suo lavoro in quanto utile e idoneo alle sue proprie necessità e aspirazioni. Egli voleva, e in questo

Anteprima della Tesi di Francesco Petrone

Anteprima della tesi: Cornelius Castoriadis ed il progetto dell'autonomia nell'epoca della globalizzazione, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Petrone Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1919 click dal 11/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.