Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Algoritmi a risoluzione incrementata per la stima della frequenza di una portante

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Stima di frequenza L’ampiezza ( ) ' nk diventa più piccola al crescere di 0s ENe la (1.2.1.12) tende alla (1.2.1.8) con 1M = . In altre parole, ad alti SNR il modello dato dalla (1.2.1.8) vale sia per operazioni DA che NDA ponendo 1M = . 1.3 Algoritmo di Rife e Boorstyn Dopo aver stabilito il modello del segnale, in questa sezione ci concentriamo sugli algoritmi per la stima di frequenza. In particolare inizieremo con quello proposto da Rife e Boorstyn in [R&B74], trattando separatamente i due casi DA e NDA, visti precedentemente. 1.3.1 R&B Data Aided Nell’ipotesi di aver verificato la (1.2.1.6), possiamo affermare che la stima a massima verosimiglianza di corrisponde al valore che rende massimo il modulo della funzione ν () () 1 2 0 1 o L jfkT k o Zf zke L π − − = ∑  (1.3.1.1) dove indica la lunghezza dell’osservato. Lo stimatore R&B è dato da o L () arg max f Z fν =  (1.3.1.2) Dalla (1.3.1.2) è evidente che ν  non dipende dalla fase della portante, e inoltre che () Z f è periodica di periodo 1 T . Questo implica che le stime, date dalla (1.3.1.1), sono ambigue di multipli del symbol rate e di conseguenza che la frequenza viene stimata correttamente sull’intervallo ( ) ( ) 12 ,12TT ⎡ ⎤ − ⎣ ⎦ . - 9 -

Anteprima della Tesi di Tatiana Bacci

Anteprima della tesi: Algoritmi a risoluzione incrementata per la stima della frequenza di una portante, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Tatiana Bacci Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 918 click dal 12/11/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.