Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le crisi bancarie. Strumenti di analisi, previsione e gestione.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Le crisi bancarie 15 Studiando le cause delle crisi, si deve premettere che i processi involutivi degli equilibri aziendali danno luogo a spirali perverse in cui spesso diventa facile confondere le cause con gli effetti 26 . Inoltre è raro che una crisi sia riconducibile ad una singola causa, ma più frequentemente è provocata da una serie di concause 27 . La scomposizione che segue ha lo scopo di semplificare analisi ed esposizione, pur nella consapevolezza che “nelle situazioni di crisi le cause sono di solito molto più complesse” 28 . 1.3.1. Cause esterne. Cause di natura macroeconomica. Negli studi sulle crisi bancarie sistemiche, le variabili di tipo macroeconomico sono considerate piuttosto rilevanti. Per alcuni autori le crisi bancarie traggono origine innanzi tutto dal deterioramento dei fondamentali dell’economia, dall’esposizione di troppi istituti agli stessi rischi e dall’accumularsi nel tempo di una serie di vulnerabilità legate ai cicli finanziari 29 . Un’interpretazione che ridimensiona il ruolo degli imprevedibili mutamenti d’umore di investitori e depositanti, messo invece in luce in passato da altri osservatori 30 . In effetti oggi si potrebbe anche essere d’accordo con chi sostiene che la cosiddetta “corsa agli sportelli” è diventata una situazione più che altro teorica 31 ; ed in ogni caso andrebbe considerata semmai come un effetto aggravante, più che la causa della crisi. 26 Cfr. Boccuzzi (1998), op. cit., pag. 31. 27 Cfr. Llewellyn (2002), op. cit., pagg. 153-154. 28 Riportando Guatri (1996), op. cit., pag. 16. 29 Così, Borio e Lowe (2002), pag. 48. Inoltre, per Caprio e Klingebiel (2000): “Macroeconomic disturbances of any kind weaken the non financial sector and then show up in the portfolios of banks.”, op. cit., pag. 283. 30 Come, ad esempio, da: Diamond e Dybvig (1983), op. cit.. 31 Cfr. Marullo Reedtz (1992), pag. 38. In caso di rumor e corsa agli sportelli i fondi sono prevalentemente “drenati” da un istituto ad un altro, rendendo sempre più rari i c.d. bank run di tipo catastrofico.

Anteprima della Tesi di Armando Ceccaroni

Anteprima della tesi: Le crisi bancarie. Strumenti di analisi, previsione e gestione., Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Armando Ceccaroni Contatta »

Composta da 214 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6355 click dal 07/02/2005.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.