Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dorian Gray da Oscar Wilde a Will Self

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 combination of wit and rage, extravagant debauchery with clinical introspection” 12 . Non solo lo stile di Self intensifica l’atmosfera di corruzione morale presente in The Picture of Dorian Gray, ma addirittura vi aggiunge una violenza, fisica ma anche descrittiva, che Oscar Wilde nemmeno avrebbe potuto immaginare. Gli anni in cui si svolge la vicenda raccontata da Will Self sono importanti anche per un altro motivo. Sono infatti gli anni in cui l’Aids ha iniziato a manifestarsi in forma epidemica nel mondo Occidentale. “Le pestilenze sono regolarmente interpretate come sanzioni nei confronti della società… Il tradizionale utilizzo di malattie trasmesse sessualmente si individua… nella pratica di descriverle come punizioni inflitte non solo nei confronti dell’individuo, ma di un gruppo” 13 , e tale gruppo, nel caso specifico di Dorian, è proprio quello degli omosessuali. Quei segni che in The Picture of Dorian Gray deturpavano il volto del protagonista diventando il marchio indelebile della sua depravazione, in Dorian sono, significativamente, le infezioni provocate dal virus HIV. Self decide dunque di ricostruire il lato più oscuro e doloroso degli anni Ottanta e Novanta del ventesimo secolo: “I think the perception 12 Neil Bartlett, “Picture of hill health”, The Guardian, Saturday September 21, 2002. Trad. mia: “Il Dorian di Self ha come sottotitolo ‘an imitation’, ed é esattamente ciò di cui che si tratta… Adula l’originale prendendo sia argomento che stile molto seriamente. Il luoghi, i personaggi, la trama e gli epigrammi sono inesorabilmente trasposti dagli 1890s ai 1990s, capitolo dopo capitolo. Poco é alterato, ma tutto é riutilizzato – acutizzato, incupito ed intensificato dall’idiosincratica miscela che Self fa della combinazione di estro e rabbia, stravagante depravazione con introspezione clinica di Wilde.” 13 Susan Sontag, Malattia come metafora. Cancro e Aids, Milano, Arnoldo Mondatori Editore, 2002, p. 141.

Anteprima della Tesi di Elisa Lovisetto

Anteprima della tesi: Dorian Gray da Oscar Wilde a Will Self, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Lovisetto Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9809 click dal 17/11/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.