Skip to content

Politica estera e comunicazione: La prima guerra del golfo secondo ''La Repubblica'' e ''L'Unità''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il lavoro svolto in questo volume si propone di ricostruire il modo in cui La Repubblica e L’Unità hanno seguito la prima guerra del Golfo. Prima di analizzare nel concreto quei lunghi mesi di crisi è opportuno motivare la scelta di quell’avvenimento e dei due quotidiani presi in esame, oltre che evidenziare il metodo di lavoro, sottolineandone gli eventuali limiti. Occorre subito premettere che non si tratta di un’analisi di tecnica giornalistica o linguistica ma bensì della ricostruzione parziale di come il mondo del giornalismo e l’opinione pubblica italiana, o ancor meglio una parte di essa, hanno vissuto un evento decisamente nuovo per il nostro paese. La prima guerra del Golfo ha infatti segnato da un lato l’avvio di una nuova e cruenta fase delle relazioni internazionali, caratterizzata dalle cosiddette guerre asimmetriche e da un asse delle tensioni spostatosi sul segmento nord-sud o più propriamente Occidente-Islam, dall’altro, in un’ottica nazionale, la partecipazione diretta dell’Italia a conflitti internazionali. Questi sconvolgimenti hanno proiettato nei dibattiti dell’epoca tematiche nuove ed ancor oggi di grande attualità. Possiamo cioè dire che quel conflitto ha scoperto dei nervi che ancora oggi sono irrisolti, a tal punto che imbattendoci in qualche editoriale di quel periodo potremmo facilmente credere che sia stato scritto nei nostri giorni. Tematiche come il ruolo dell’ONU e la sua necessità di essere riformata, l’impotenza e la divisione dell’Europa, il ruolo degli Stati Uniti come gendarme del mondo, gli appelli alla guerra santa, la necessità di risolvere la questione palestinese, il dibattito sul pacifismo sono infatti tutte questioni rimaste ancora aperte. Così come resta ancora drammaticamente irrisolta la questione irachena che dal momento in cui George Bush aveva scelto di accontentarsi della liberazione del Kuwait, stupendo un po’ tutti i commentatori che ne profetizzavano un’entrata trionfale a Bagdad, aveva determinato nuovi drammatici capitoli. Guardare a quel conflitto è insomma guardare indietro con il senno di poi, volgere lo sguardo dove tutto è cominciato e provare a vedere, con risultati a dir la verità frustranti, se le molte promesse e speranze di allora abbiano avuto compimento. E’ opportuno sottolineare che in una crisi dalle molte sfaccettature si è dovuto privilegiare alcuni aspetti rispetto ad altri. In primo luogo l’ottica è stata quella di focalizzare l’attenzione sul ruolo e le notizie provenienti dagli Stati Uniti e dall’Italia, oltre che dal teatro di guerra irachena. In particolare l’attenzione rivolta agli Stati Uniti ed al modo in cui il loro agire è stato percepito nel nostro paese e nel resto del mondo occupa un’importante fetta del lavoro svolto. Ciò è dovuto ovviamente a motivi didattici ma anche e soprattutto perché gli Stati Uniti hanno recitato inevitabilmente il ruolo di grande protagonista in questa guerra. Inoltre la volontà di recepire antiamericanismo o filoamericanismo
Anteprima della tesi: Politica estera e comunicazione: La prima guerra del golfo secondo ''La Repubblica'' e ''L'Unità'', Pagina 1

Preview dalla tesi:

Politica estera e comunicazione: La prima guerra del golfo secondo ''La Repubblica'' e ''L'Unità''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Zaccarella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Gian Giacomo Migone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 244

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi