Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I rapporti tra il P.C.I. e la C.G.I.L. dalla crisi del 1955 alla svolta degli anni '60

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 paese: divisione del mondo in sfere di influenza, condizionamento esercitato sull’Italia dagli Alleati, tendenza alla costituzione di uno schieramento anticomunista, iniziativa condotta dalla monarchia, punto di riferimento per lo schieramento conservatore, e dal Vaticano, in funzione palesemente anticomunista. In un simile contesto, la CGIL estese al Nord la propria azione, trasformandosi in una grande forza nazionale, e si impegnò non solo nel trovare una soluzione dei problemi economici e rivendicativi, ma anche sul piano prevalentemente politico, a sostenere la ricostruzione e la formazione di un governo democratico. Oreste Lizzadri, responsabile della corrente socialista, definì in questi termini la necessità, per il paese, di un governo democratico, in un’intervista rilasciata a L’Unità del 26 maggio: “L’esistenza di un governo democratico è fondamentale per l’azione sindacale dei lavoratori. ma oggi, dopo la lotta condotta in ogni parte d’Italia dai lavoratori che hanno realizzato la gloriosa insurrezione nazionale nel Nord, le esigenze della classe lavoratrice si identificano con quelle di tutta la nazione. Sarebbe perciò inconcepibile un governo italiano che non traesse la sua autorità dalle masse lavoratrici” 12 . Il 20 giugno, dopo una lunga e difficile trattativa, durante la quale furono scartate le candidature di De Gasperi e Nenni per mancanza di accordo, si formò un governo con a capo Ferruccio Parri, azionista ed esponente di spicco della Resistenza. In questo governo, Nenni rivestì l’incarico di Ministro degli Esteri, mentre a Palmiro Togliatti fu affidato il Ministero della Giustizia. 12 LIZZADRI, Oreste, “Sei milioni di lavoratori nella CGIL con la liberazione del Nord”, Intervista rilasciata a L’Unità, 26.5.1945.

Anteprima della Tesi di Ilaria Casaglieri

Anteprima della tesi: I rapporti tra il P.C.I. e la C.G.I.L. dalla crisi del 1955 alla svolta degli anni '60, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilaria Casaglieri Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1785 click dal 16/11/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.