Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cinema: specchio della società. La guerra civile nei film libanesi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Dalla società al cinema. “Le scelte inconsce compiute dal cinema libanese nella sua storia corrispondono all’evoluzione delle ideologie sociali nel Paese” 14 Anche il cinema del Libano, specchio della società e della cultura, sembrava direttamente coinvolto nell’eterna questione dell’identità così come da altri sconcertanti interrogativi, quali il significato che stava alla base delle scelte dei registi, della lingua utilizzata nei diversi film o del modo in cui la realtà sociale potesse riflettersi nei medesimi. La questione era scoprire cosa, in pratica, il cinema libanese, consciamente o inconsciamente, poteva rivelare circa il contesto socioculturale del suo Paese; e di conseguenza osservare come il riflesso di questa società così insicura e frammentata poteva dare adito ad un’identità cinematografica. Esisteva inoltre un ulteriore problema circa l’identità del cinema libanese, che prescindeva dai contenuti dei film 15 . L’avventura del cinema libanese era stato concepita e prodotta da stranieri, da individui che per i più svariati motivi risiedevano nel Paese all’epoca. Analizzando gli inizi di quasi tutte le cinematografie arabe, ci si accorge che esse sono nate grazie al contributo di persone appartenenti a minoranze straniere. I motivi erano svariati: innanzitutto il cinema era una forma artistica nuova, nata in un contesto straniero e basata sull’immagine che, come è noto, era malvista dall’ideologia religiosa dominante nel periodo in cui l’impero Ottomano volgeva a termine. Inoltre il cinema richiedeva attrezzature tecniche e scientifiche alle quali potevano avere accesso solo gli appartenenti delle minoranze straniere. Infine la recitazione, all’epoca, era 14 Al-‘Arīs I., “An attempt at reading the history of cinema in Lebanon: from cinema to society and vice versa”, in Screens of life. Critical film from the arab world, World Heritage Press, Quebec, 1996, pag. 22. 15 Azār H., Milaf as-sīnimā al-lubnāniyya, Al-lawā’, Beirut, 1978, cap. I.

Anteprima della Tesi di Chiara Cazzaniga

Anteprima della tesi: Cinema: specchio della società. La guerra civile nei film libanesi, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Chiara Cazzaniga Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3548 click dal 17/11/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.