Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Chironomidi (Insecta Diptera) come indicatori dello stato trofico del Lago di Varese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Pur essendo di piccole dimensioni, si tratta di un lago abbastanza profondo (26 m la profondità massima e 10,7 quella media) e con un volume notevole: 153,65 x 10 6 m 3 suddivisi in volume epilimnico (98,87 x 10 6 m 3 ) ed ipolimnico (54,78 x 10 6 m 3 ). L’area di termoclinio è pari a 9,54 km 2 . Il tempo effettivo di ricambio è di 2,81 anni; il lago, inoltre, va incontro ad un solo periodo di stratificazione. Sulla base delle caratteristiche fin qui elencate è possibile affermare che, in condizioni naturali, il Lago di Varese dovrebbe essere un lago mesotrofico, ma a causa dei fenomeni di inquinamento che lo hanno interessato si trova in realtà in una condizione di eutrofia. 3.3 CLIMATOLOGIA Dal punto di vista climatologico il lago si trova inserito in un’area dal clima tipico delle medie latitudini ovvero temperato-freddo, di tipo transizionale tra il regime continentale (caratterizzato da frequenti ed intense piogge estive) e quello oceanico (con piogge diffuse su tutto l’arco dell’anno). Il clima transizionale gode di piogge distribuite lungo tutto l’arco dell’anno ma con concentrazione tra Marzo e Novembre (periodo in cui cade circa il 70/75% del volume d’acqua, piogge equinoziali); l’estate risulta relativamente secca. Il regime delle piogge ed il tempo teorico di rinnovamento delle acque sono i due elementi fondamentali per l’analisi delle caratteristiche idrodinamiche. L’esempio più ovvio di ciò può essere la considerazione che il maggior incremento idrologico del lago - di norma - si ha in primavera o inizio estate, quando alle precipitazioni piovose si aggiunge l’acqua proveniente dallo scioglimento dei ghiacciai. Le caratteristiche idrologiche sono fondamentali per ogni analisi, classificazione e successiva progettazione d’opere per il recupero di un corpo idrico. Accanto a questi parametri può essere significativa anche l’analisi del profilo termico che porta alla conclusione che questo lago sia monomittico come la quasi totalità dei laghi della regione mediterranea (Bazzanti, Seminara, 1998) con un solo periodo di stratificazione, da Maggio ad Ottobre/Novembre. Quando il

Anteprima della Tesi di Simona Caletti

Anteprima della tesi: I Chironomidi (Insecta Diptera) come indicatori dello stato trofico del Lago di Varese, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Simona Caletti Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2328 click dal 19/11/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.