Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Chironomidi (Insecta Diptera) come indicatori dello stato trofico del Lago di Varese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Nel bacino meridionale del lago la struttura geologica presenta alcune variazioni rispetto al resto del territorio tra cui una significativa presenza di substrato geologico sormontato da depositi argillosi con torbe. Questi depositi sono da porsi in relazione all’esistenza di una palude derivante dall’interramento di un’antica conca lacustre. Il substrato roccioso affiora raramente, essendo stato coperto da sedimenti morenici portati dal ghiacciaio Ticinese e costituenti le colline che ora circondano il lago. I depositi morenici sono assenti nella zona di Gavirate, dove i terreni sono costituiti da detriti abbandonati in loco dalle piene alluvionali del fiume Bardello. Il bacino di Gavirate è caratterizzato da un minor rapporto superficie- profondità, essendo più profondo ed avendo una maggior inclinazione delle sponde rispetto agli altri due bacini. Questi elementi morfologici si evidenziano anche nel tipo di vegetazione che popola le rive: canneti nelle zone più basse, spiaggia senza vegetazione (al massimo qualche ninfea) nella zona di Gavirate. 3.5 STATO TROFICO In condizioni naturali esistono tre tipologie di laghi: · Laghi oligotrofi: contengono una bassa quantità di nutrienti e quindi solo pochi organismi viventi vi possono sopravvivere; sono caratterizzati da scarsità di cibo disponibile per gli animali che li popolano ma notevole disponibilità d’ossigeno. Essi contengono una gran varietà di specie con meccanismi nutrizionali altamente specializzati, ognuna però costituita da un basso numero d’individui. · Laghi eutrofi: in essi la quantità di nutrienti presenti tende ad aumentare, con conseguente aumento della produttività primaria. Nella zona ipolimnica si ha un deficit ossigenico dovuto all’attività respiratoria dei viventi ed all’ossidazione chimica cui vanno incontro tutte le sostanze organiche. La fauna di questo tipo di lago subisce modificazioni tali che la portano ad essere costituita da un minor numero di specie, singolarmente più abbondanti. In particolare nei laghi eutrofi e monomittici, la fauna bentonica mostra una certa

Anteprima della Tesi di Simona Caletti

Anteprima della tesi: I Chironomidi (Insecta Diptera) come indicatori dello stato trofico del Lago di Varese, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Simona Caletti Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2328 click dal 19/11/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.