Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il possibile distretto agroalimentare del Vulture - Alto Bradano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 produzioni tipiche locali e la loro diffusione sul mercato nazionale ed europeo. Nell’industria alimentare italiana, convivono quindi strutture di produzione di piccole e medie dimensioni a fianco di grandi imprese e gruppi multinazionali. Lo sviluppo e l’affermarsi dei distretti agro – alimentari si colloca nel complesso e rapido processo di sviluppo economico che ha interessato l’Italia nel secondo dopoguerra. La rapida industrializzazione del paese, già caratterizzata da un forte e tradizionale dualismo fra Nord e Sud, è stata accompagnata dall’insorgere di nuove e più profonde differenze territoriali. Soprattutto nel corso degli anni ’70 è divenuta sempre più evidente la presenza di realtà territoriali caratterizzate da un’industrializzazione diffusa, basata principalmente su piccole e medie imprese. Queste diverse realtà, presenti soprattutto nell’Italia Centrale e nel Nord-Est sono state analizzate e studiate facendo ricorso a nuovi strumenti analitici, i distretti industriali. Numerose analisi empiriche hanno permesso di comprendere a fondo le origini, i meccanismi di funzionamento e la dinamica di queste specifiche realtà. Il forte radicamento territoriale delle imprese, le strette relazioni tra impresa e famiglia, la concentrazione e specializzazione territoriale della produzione (caratterizzata da elevati livelli di tipicità e qualità), la flessibilità nel cambiamento dei prodotti e dei processi produttivi, ma anche la fitta rete di relazioni sociali, economiche e istituzionali caratterizzano queste realtà locali. Le origini e le caratteristiche dei distretti agro – alimentari non possono essere ricondotte a un fattore specifico. In molti casi derivano dai profondi processi di specializzazione e concentrazione delle produzioni agricole, ma non meno rilevante risultata la presenza di tradizioni artigianali nella trasformazione dei prodotti agricoli, mentre un ruolo spesso decisivo è stato giocato dalla forte domanda di prodotti tipici, che ha creato le condizioni per un ulteriore sviluppo del mercato di tali prodotti. La dimensione territoriale e la struttura industriale dei distretti agro – alimentari si presentano, molto spesso, diverse nelle numerose realtà presenti in Italia. Dimensioni territoriali piuttosto estese si hanno nel caso del Parmiggiano Reggiano, dove sono coinvolte 4 Province, mentre dimensioni più limitate si hanno nella trasformazione della carne suina e avicola, dove le imprese si concentrano in pochi Comuni localizzati in aree contigue.

Anteprima della Tesi di Antonio Lista

Anteprima della tesi: Il possibile distretto agroalimentare del Vulture - Alto Bradano, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Lista Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3482 click dal 03/12/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.