Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I New Media I Giovani e la Democrazia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 riferisce a come Katherine Hayles ha affrontato il tema della concezione di Identità sociale suggerita da alcuni “cibernetici” (Hayles, 1991). A parere della studiosa tale concezione rispecchia pienamente la trasformazione in atto nelle società avanzate: marcatamente, i gruppi e le microunità lascerebbero progressivamente spazio ad una frantumazione individualistica all’interno della quale la coesione rischierebbe di divenire negativa e repressiva. Tale esempio secondo Bettetini e Colombo conferma che queste tecnologie sono ormai inserite in un “ brodo interpretativo” che tende a condizionarne la lettura 10 . Siamo partiti forse un po’ da lontano per introdurre questi due autori, ma, senza simili premesse, sarebbe stato problematico poi capire fino in fondo l’apporto che nel loro libro danno a proposito di spazio e tempo. A proposito di spazio essi sostengono che: la comunicazione tecnologica come abbiamo precedentemente visto, è caratterizzata soprattutto dalla velocità e dall’accelerazione; tale fenomeno ricade inevitabilmente sulla percezione dello spazio, che appare “ condensato” 11 , soprattutto lo spazio comunicativo, ossia lo spazio percepito, di volta in volta, come luogo della comunicazione, divenendo, così in questo senso, “ sintetico ”. La spiegazione che adducono a tale trasformazione è la seguente: lo sviluppo tecnologico, da un lato, lavora per costruire una rete globale di punti di contatto, distribuendo ovunque terminali agganciati ad una rete; dall’altro, tale sviluppo, opera in senso opposto, rendendo portatili i terminali, fino a rendere l’utente indipendente dalla rete nel suo senso propriamente fisico-statico. Ancora, sul versante della rete, fanno notare la sostanziale differenza fra terminali collegati e terminali d’ascolto; infatti la differenza sostanziale tra la comunicazione via cavo e via etere è che la prima implica una direzione prima 10 Cfr. nota n.9,pp 292 11 I due autori sostengono che tale fenomeno si sviluppò anche grazie alle tecnologie di trasporto e quelle comunicative tradizionali.

Anteprima della Tesi di Giuditta Staffa

Anteprima della tesi: I New Media I Giovani e la Democrazia, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Facoltà di lingua e cultura italiana

Autore: Giuditta Staffa Contatta »

Composta da 244 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2763 click dal 22/11/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.