Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche di compressione di immagini di contorni nel dominio wavelet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

© Pietro Gallina - 14 - punti di contorno vengono collegati in un’unica sequenza che ne specifica le ascisse e le ordinate. La sequenza ottenuta viene trasformata nel dominio wavelet e codificata con l’algoritmo SPHIT (Set Partitioning in Hierarchical Trees). Infine si assemblano tutte le informazioni in una stringa binaria costituita da un header e dall’output di SPHIT. figura 1 - quadro sinottico del metodo proposto In fase di decodifica i passaggi precedenti vengono eseguiti a ritroso, fino alla derivazione dei contorni decodificati. In generale vengono distinti 2 casi: 1. mappe di contorni generiche, con un numero arbitrario di segmenti di contorno non necessariamente connessi 2. contorni di oggetti, contenenti il profilo (rappresentato solitamente da una linea chiusa) di alcuni semplici elementi. In figura 2 viene mostrato un esempio di mappa di contorni generica, mentre in figura 3 sono riportati i profili di 2 semplici “oggetti” (i.e. 2 bambini che giocano). figura 2 - mappa di contorni generica

Anteprima della Tesi di Pietro Gallina

Anteprima della tesi: Tecniche di compressione di immagini di contorni nel dominio wavelet, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Pietro Gallina Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2288 click dal 22/11/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.