Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Carlo Carrà: La riflessione sui ''Primitivi''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 prerinascimentali, in particolar modo verrà attratto da Giotto, a cui dedicherà, tra l’altro, la “Parlata su Giotto”. Pur essendo sempre in prima fila nelle nuove esperienze dell’arte, Carrà riflette continuamente sulla grandezza del passato: da Giotto a Picasso, da Masaccio a Braque, tutta la storia nutre la sua creatività. La sua pittura è forte, sintetica, a volte ostica perché poco concede alla sensibilità superficiale, ma è sempre sorretta da un pensiero profondo e determinato sull’arte e sulla realtà, che fa dei suoi dipinti i testimoni preziosi di un’epoca in cui ancora si poteva concepire l’opera d’arte come specchio dell’intera esistenza e non come singolare, irripetibile “atto unico” dell’individuo. Anche per questo motivo Carrà si tiene lontano dagli sperimentalismi spesso gratuiti di certe avanguardie, preferendo caute ma definitive conquiste. Dopo gli esordi divisionisti, Carrà è tra i fondatori della pittura futurista, la cui ricerca si sviluppa intorno alla rappresentazione degli oggetti nella loro realtà dinamica. Nel 1914/15 il clima sta mutando: la pattuglia marinettiana è divisa da liti e incomprensioni; Carrà è tra gli artisti che comprendono come il Futurismo sia solo un passaggio, sia pure importante e complesso, e non il risultato finale del loro lavoro. In più c’è la guerra a scompaginare le vicende di ognuno, tra gli entusiasmi esistenziali di interventismo di molti e la dura realtà, amara, e tragica che quell’evento racchiude. In questo periodo matura, dunque, in Carrà la crisi del Futurismo, che sbocca nelle opere del 1916, caratterizzate da immagini

Anteprima della Tesi di Anna Salvati

Anteprima della tesi: Carlo Carrà: La riflessione sui ''Primitivi'', Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Anna Salvati Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2521 click dal 22/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.