Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mandato di arresto europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 ogni Stato membro, compresa la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo firmata a Roma il 4 novembre 1950. Un ruolo notevole nella predisposizione di strumenti che consentissero agli Stati membri di entrare più facilmente in contatto tra loro da un punto di vista giudiziario lo ha del resto avuto l’appena citato Accordo di Schengen 7 . La sua portata innovatrice sta da un lato, nell’aver rafforzato il diritto alla libera circolazione nell’Unione, prevedendo la possibilità di attraversare liberamente, senza controlli, le frontiere interne da parte dei cittadini di tutti gli Stati membri della Comunità nonché nella libera circolazione delle merci; dall’altro nell’aver puntato ad un maggior rafforzamento dei controlli alle frontiere esterne con i Paesi extra-europei e al miglioramento dei livelli di sicurezza dei porti e degli aeroporti con traffico internazionale. L’obiettivo era quello di armonizzare la politica dei visti d’ingresso agli stranieri, negando l’ingresso o il soggiorno, in un qualsiasi Stato membro, ad uno straniero segnalato da uno qualsiasi dei Paesi membri della Comunità. Alla soppressione dei controlli interni alle frontiere, rappresentante certo una novità al tempo in cui risale la sua entrata in vigore, poiché si era ancora agli inizi della costruzione dell’Unione Europea, si sono, dunque, accompagnate inevitabilmente una serie di misure parallele, soprattutto in materia di sicurezza, realizzabili attraverso una ben più stretta collaborazione nei settori della giustizia, della polizia e dell’immigrazione, settori in cui le leggi e le politiche sono tradizionalmente nazionali. 7 Su tali accordi, oltre ai contributi contenuti nel volume a cura di B. NASCIMBENE - M. PASTORE, Da Schengen a Maastricht, Milano, 1995, M. MEIJERS (ed.), Schengen, Internationalisation of Central Chapters of the Law on Aliens, Refugees, Privacy, Security and the Police, Leiden, 1992.

Anteprima della Tesi di Fabiana Malorgio

Anteprima della tesi: Il mandato di arresto europeo, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Fabiana Malorgio Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12349 click dal 22/11/2004.

 

Consultata integralmente 46 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.