Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli matematici per la gestione della liquidità di breve periodo nelle aziende di credito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 1.3 Gli strumenti della gestione di tesoreria Nella gestione della tesoreria gli orientamenti seguiti nell’allocazione e nell’acquisizione della liquidità “ supplementare ” riflettono la situazione contingente relativa ai mercati e alla tipologia della fonte di tale liquidità. E’ pur vero che la selezione degli interventi giornalieri risponde a schemi operativi di più ampio respiro, che disegnano il quadro di riferimento per l’azione della Tesoreria sulla base della valutazione della dinamica dei mercati, della connessione tra questa e dinamica interna all’azienda, dei flussi monetari interni. Tali schemi operativi sono stabiliti dalla politica della liquidità, che definisce la strategia di medio e lungo periodo volta ad assicurare l’equilibrio finanziario della banca ed il controllo del rischio di liquidità; l’obiettivo è creare armonia nella struttura per scadenze del bilancio della banca, ponendo le premesse per cui i flussi finanziari in entrata e in uscita non manifestino, nell’arco temporale di riferimento, disallineamenti tali da rendere difficoltoso il governo del deflusso di risorse liquide, tanto in condizioni di normale operatività, tanto in situazioni di shock esogeni. Con questo fine viene valutata la posizione della banca rispetto a diversi fattori, tra i quali: 1) la trasformazione delle scadenze, con particolare riguardo alla presenza di adempimenti ricorrenti, scadenze tecniche ed eccedenze strutturali di liquidità tra gli elementi all’origine dei flussi; 2) il grado di chiusura del circuito monetario, valutabile su due fronti: ƒ nell’erogazione di credito e nella raccolta di depositi su catene di transazioni che legano tra loro prenditori di fondi e clientela depositante ( ad esempio un’impresa ed i suoi dipendenti ); ƒ nell’erogazione di credito e nella raccolta di depositi su catene di transazioni diverse, relative a soggetti i cui comportamenti finanziari sono correlati negativamente; 3) la dimensione della raccolta, in quanto per la parte destinata a riserva obbligatoria è mobilizzabile e dunque funge da fonte secondaria di liquidità.

Anteprima della Tesi di Oscar Alessandro Maffioletti

Anteprima della tesi: Modelli matematici per la gestione della liquidità di breve periodo nelle aziende di credito, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Oscar Alessandro Maffioletti Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3090 click dal 22/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.