Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Espressione selettiva della survivina e sua regolazione nella Sclerosi Tuberosa, una patologia multisistemica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 I ntroduzione universale la cui funzione eziopatogenetica non è nota. Gli studi sperimentali condotti fi no ad ora si sono occupati di valutarne la funzione; in prevalenza si tratta di studi basati sull’espressione esogena delle due proteine in linee cellulari immortalizzate. È bene ricordare a questo proposito che gli amartomi, anche se talvolta aumentano di numero e dimensione col tempo, sono lesioni benigne e non producono metastasi. L’incidenza di vere e proprie neoplasie nei malati di TSC non è signifi cati vamente diversa da quella della popolazione generale, fatta eccezione per i tumori renali per i quali è stato riportato un modesto incremento. L’idea che i geni TSC controllino non solo la proliferazione ma anche il differenziamento cellulare deriva dalla natura stessa dell’amartoma. Infatti, sebbene le cellule di un nodulo amartomatoso derivino tutte da una singo la cellula progenitrice, esse possono assumere caratteristiche differenziati ve distinte. L’angiomiolipoma renale ne è l’esempio più eclatante: di fre quente è composto da una mescolanza di cellule adipose, muscolari lisce ed epiteliali. Esperimenti su topi e ratti knockout TSC1 -/- o TSC2 -/- hanno dimostrato che le due principali proteine codifi cate da questi due geni sono indispensabili durante l’embriogenesi: infatti, in completa assenza di tuberina o amartina, la formazione dell’embrione non procede oltre i primi stadi di sviluppo. 2.2 Caratteristiche cliniche della patologia Dal punto di vista clinico la patologia è caratterizzata dal coinvolgimento di molti organi e dalla presenza di lesioni specifi che defi nite amartomi. Si tratta di tumori benigni costituiti da cellule displastiche e disorganizzate con un potenziale di malignità relativamente basso. Anche se ogni organo potrebbe essere colpito, quelli che in genere risultano esserlo sono: il SNC, la cute, il rene, il cuore e i polmoni [Hancock E. et al., 2002; Jimbow K., 1997; Dabora S.L. et al., 2001; Roach E.S. et al., 1998]. Le lesioni presenti a livello del sistema nervoso centrale (fi gura 1) comprendono: n Νoduli subependimali (prevalenza 80%) che possono essere presenti fin dalla nascita e, data la loro caratteristica incorporazione di calcio, sono visibili attraverso la TAC encefalica.

Anteprima della Tesi di Marco Rosa

Anteprima della tesi: Espressione selettiva della survivina e sua regolazione nella Sclerosi Tuberosa, una patologia multisistemica, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Marco Rosa Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4121 click dal 23/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.