Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attività Motoria Adattata Domiciliare e Stile di Vita Attivo: Esperienza di Tirocinio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 intrecciare relazioni interpersonali, senza tralasciare l’eventuale produttività sul lavoro e il tipo di partecipazione alla vita quotidiana. E’ proprio l’ultimo punto quello da tenere maggiormente in considerazione, in quanto è strettamente connesso al sentimento di autoefficacia, importantissimo indicatore della QdV. Per valutare la QdV occorre sia utilizzare indicatori facilmente rilevabili, come stato di salute, situazione economica e qualità dell’ambiente dove il soggetto vive, che indicatori piuttosto difficili da definire, come ad esempio la qualità dei rapporti interpersonali o l’autopercezione a proposito della propria condizione. A tutto ciò andrebbe anche aggiunto (Edgerton, 1990) il fattore “fragilità”, ossia le capacità residue che permettono alla persona disabile di cambiare o mantenere le proprie condizioni di vita di fronte ad una nuova variabile che potrebbe andare a minare il già precario equilibrio in cui il soggetto si trova. Non va dimenticato come la QdV per una persona che versa in uno stato di disabilità può essere soddisfacente anche in condizioni di vita che per la maggioranza delle persone potrebbero essere intollerabili, si ritiene quindi opportuno (Holland, 1990) fare ricorso a misure oggettivamente rilevabili, nello stesso interesse delle persone monitorate. Quando invece si analizzano situazioni dove la disabilità sia di media o lieve entità, allora è possibile utilizzare tabelle o lavori di altri autori (Cummins, 1992), (Emerson, 1985), (French, Rogers e Cobb, 1974) che puntano sull’esistenza di legami significativi tra percezione individuale e bisogni, valori e aspettative. Uno dei capisaldi dell’analisi della QdV è il confronto tra le indicazioni fornite dal soggetto sulle proprie condizioni e la propria soddisfazione e tutta la popolazione di

Anteprima della Tesi di Andrea Borasi

Anteprima della tesi: Attività Motoria Adattata Domiciliare e Stile di Vita Attivo: Esperienza di Tirocinio, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Andrea Borasi Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9741 click dal 23/11/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.