Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le elezioni europee in Italia (1994-1999)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1: IL VOTO EUROPEO. STORIA, LEGGE ELETTORALE E CAMBIAMENTO POLITICO 15 1. Dalla dichiarazione Schuman al Club del Coccodrillo La storia del voto europeo, e del Parlamento europeo in generale, costituisce un efficace esempio "della contraddizione tra l'affermazione della democrazia nel quadro nazionale e la sua negazione nel quadro internazionale" 1 ; questa sembra essere la conclusione che la storiografia federalista deduce dalla tribolata storia del voto europeo e dei poteri assegnati dai Trattati all'Assemblea di Strasburgo. Al fine del nostro lavoro, è interessante e utile descrivere come, dai primi esperimenti di integrazione europea, si arrivò nel 1979 alla prima elezione a suffragio universale e diretto del Parlamento europeo; sentiamo la necessità di capire perché dovettero passare ben ventidue anni per applicare quanto stabilito dall’art. 138 del Trattato che istituiva la Comunità Economica Europea – CEE – e, prima di affrontare l'oggetto vero e proprio di questa ricerca, capire perché l'entusiasmo e la partecipazione al voto stia scemando dopo ogni tornata elettorale, fatta eccezione per quegli Stati, come il Belgio, la Grecia e il Lussemburgo dove il voto è obbligatorio. Quattro sono gli angoli visuali dai quali è possibile osservare e ripercorrere il lungo cammino iniziato dalla dichiarazione di Schuman e conclusosi con il Vertice di Parigi del 1974, incontro nel quale fu decisa l'elezione a suffragio universale e diretto; solo osservando contemporaneamente questi quattro approcci e mettendoli in relazione fra loro è possibile avere una panoramica significativa e completa della storia del voto europeo. Tali punti di vista sono: quello dei Governi, del contesto internazionale in cui il processo di integrazione si sviluppava, il contenuto dei Trattati e quello portato da quelle forze sociali e politiche, come i federalisti, che da subito si batterono per l'introduzione del voto a suffragio universale e 1 Luigi Vittorio Majocchi, Francesco Rossolillo, Il Parlamento europeo. Significato storico di un'elezione, Napoli, Guida editori, 1979, p. 11.

Anteprima della Tesi di Massimo Piermattei

Anteprima della tesi: Le elezioni europee in Italia (1994-1999), Pagina 9

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Massimo Piermattei Contatta »

Composta da 284 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2160 click dal 25/11/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.