Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fersen, ovvero il ritorno al rito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Come nasce la tesi? Mi sembra interessante prima di affrontare qualsiasi argomento, interrogarmi sulle motivazioni che mi portano a ricercare in una certa direzione e chiedermi quali siano gli obbiettivi delle mie ricerche. Credo che ogni professionista e ogni amante del palcoscenico scelga un tipo di teatro; per quanto mi riguarda mi sono interrogata in questi ultimi anni su quale potesse essere il mio e su quali fossero gli aspetti che mi spingevano ad esplorare questo mondo. L’arte del palcoscenico a mio parere diventa irripetibile nel momento in cui si riproduce quel rito antico e magico della comunicazione e “contaminazione”; nel teatro greco l’evento teatrale riusciva a spezzare la quotidianità e a creare un altro tempo, ma non per questo meno concreto. Il pubblico veniva completamente avvolto dal rito del palcoscenico e se l’incantesimo riusciva si arrivava alla catarsi. Il teatro aveva dunque un effetto benefico e produttivo sull’uomo, tendeva a migliorarlo ed era strettamente collegato alla vita quotidiana. Quando io penso al mio modo di fare teatro penso ad un rito, ad un gioco tra attori e spettatori che agisca su entrambi, un gioco nel quale, pur rispettando ognuno il proprio ruolo, entrambi ne escano rinnovati. Ho dunque ricercato un tipo di teatro e dei professionisti appartenenti a questo mondo che si sono a mio parere più avvicinati al teatro antico, che hanno ricercato nell’arte del palcoscenico l’irripetibilità dell’evento. Le mie ricerche mi hanno portato a scegliere di affrontarne un aspetto soltanto e mi sono dunque immersa nel gioco scenico del teatro ebraico. Questo teatro non è antico e le data della sua nascita è controversa; quel che ci riporta al passato sono i temi biblici e non, affrontati nella sua drammaturgia, i canti, le danze folcloristiche che riempiono la scena, i riti, le preghiere ripetute sul palcoscenico e l’identità e la storia di un popolo

Anteprima della Tesi di Sonia Jael Colombo

Anteprima della tesi: Fersen, ovvero il ritorno al rito, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Sonia Jael Colombo Contatta »

Composta da 252 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1101 click dal 16/11/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.