Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli americani a Licata. Dall'amministrazione militare alla ricostruzione democratica. 1943-1946

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 228.000 americani), 1 contro gli appena 230.000 italiani e 60.000 tedeschi che costituirono le forze dell’Asse a difesa dell’isola; tra l’altro, in queste cifre erano comprese le truppe addette ai servizi e le vere forze da combattimento disponevano di un armamento del tutto inefficiente di fronte a quello nemico. 2 La difesa della Sicilia era affidata alla Sesta Armata del generale Alfredo Guzzoni (che il 24 maggio aveva sostituito il generale Mario Roatta), il quale disponeva di due dipendenti Corpi d’Armata: il XII nella zona occidentale, guidato dal gen. Mario Arisio (ed in seguito allo sbarco, dal gen. Francesco Zingales), ed il XVI in quella orientale, guidato dal gen. Carlo Rossi. I due Corpi d’Armata a loro volta erano composti di quattro divisioni mobili (Aosta ed Assietta del XII, Napoli e Livorno del XVI) e sei divisioni costiere (più due brigate ed un reggimento autonomo), alle quali era affidata la difesa delle coste dell’isola. A queste forze si aggiungevano due divisioni tedesche, la Hermann Goering (che vegliava sulla Sicilia sudorientale) e la 15^ Panzer Grenadier (dislocata sulla piana di Catania), poste sotto il controllo del tenente generale Von Senger, ufficiale di 1 Dati citati dallo storico italiano Alberto Santoni (A. Santoni, Le operazioni in Sicilia e in Calabria, a cura dell’Ufficio storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, Roma 1983, pp. 100 – 103). Secondo i dati dello storico americano dell’invasione, ammiraglio Samuel E. Morison, il 15 luglio la Settima Armata americana contava già 204.000 uomini e l’Ottava Armata britannica, pochi giorni dopo, ne contava 250.000 (da Gaetano Zingali, L’invasione della Sicilia, Catania 1962, p. 240) 2 Dati citati dal generale Emilio Faldella, capo di Stato Maggiore delle Forze Armate in Sicilia (da Gaetano Zingali, op. cit., p. 239). Il Santoni cita 175.000 italiani e 67.500 tedeschi combattenti nel corso dell’intera campagna, più un numero di 57.000 tra italiani e tedeschi addetti ai servizi (A. Santoni, op. cit., p. 85)

Anteprima della Tesi di Claudio Li Gotti

Anteprima della tesi: Gli americani a Licata. Dall'amministrazione militare alla ricostruzione democratica. 1943-1946, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudio Li Gotti Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2028 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.