Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scelte aziendali in condizioni di incertezza: gli usi non finanziari del "Value at Risk e le Opzioni Reali"

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.1.1 Le Variabili Del Modello: I Flussi Finanziari Nel descrivere il modello base del Valore Attuale Netto si è fatto spesso riferimento agli importi s a in entrata/uscita derivanti dall’effettuazione dell’operazione. I flussi finanziari da considerare ai fini dell’analisi dovrebbero essere di tipo incrementale, cioè che nascono direttamente dall’effettuazione dell’investimento 20 (come differenza tra flussi di cassa con/senza investimento). Da tenere presenti nell’analisi sono anche gli eventuali costi opportunità, che in generale la teoria economica definisce come il valore della migliore alternativa di utilizzo delle risorse impiegate 21 e, in particolare quando il criterio del Van venga utilizzato per l’analisi degli investimenti in beni strumentali o dello sviluppo di nuovi prodotti, eventuali fenomeni di cross-section o di erosione: il primo si ha quando i clienti acquisiti con il nuovo prodotto/servizio, acquistano anche altri prodotti o perché il nuovo investimento permette di allargare il bacino di utenza, il secondo si ha quando lo sviluppo di nuovi prodotti comporta il mancato acquisto di altri; più in generale bisogna tenere presenti eventuali conflitti che possono nascere tra le diverse divisioni dell’impresa. Per quanto riguarda l’uso del metodo del Discounted Cash Flow nella valutazione del capitale economico d’impresa, che fa dipendere il valore del capitale economico dal valore attuale dei flussi di cassa ( sia puntuali che medio- normali 22 ) previsti, un documento emesso nell’aprile del 2004 da Borsa Italiana S.p.A. dal titolo “Guida Alla Valutazione” 23 consiglia l’uso di flussi di cassa 20 A. LANZAVECCHIA, op. cit. pag. 396 21 D.W. CARLTON – J.M. PERLOFF Organizzazione Industriale, Mc Graw-Hill, Milano, 1997, edizione italiana a cura di G. Martini e L. Solimene 22 Per flussi puntuali si intende flussi previsti anno per anno, per medio- normali si intendono valori unici che sintetizzavano più periodi amministrativi. 23 Guida Alla Valutazione, a cura di M. MASSARI, JP MORGAN, BORSA ITALIANA, GOLDMAN SACHS, AMBROSETTI STERN STEWART ITALIA e F.C. PAPA (presidente AIAF), con l’osservazione di addetti CONSOB, aprile 2004, pag. 14, reperibile su www.borsaitaliana.it

Anteprima della Tesi di Domenico Benedetti

Anteprima della tesi: Scelte aziendali in condizioni di incertezza: gli usi non finanziari del "Value at Risk e le Opzioni Reali", Pagina 11

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Domenico Benedetti Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2611 click dal 26/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.