Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bilancio sociale d'impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1) il concetto di socialità, cioè la creazione di benessere comune, non sempre coincide con quello di economicità, in quanto l’attività dell’impresa può produrre anche effetti di segno negativo. L’ impresa, operando nel sistema sociale, deve tenere conto degli effetti che produce, in quanto dagli attori che operano in questo sistema dipende la sua legittimazione. Il compito dei dirigenti d’azienda è principalmente quello di cercare di mantenere livelli accettabili di socialità, senza danneggiare l’economicità. La condizione essenziale dell’economicità è l’equilibrio economico medio, ossia l’autosufficienza economica dell’impresa : i ricavi devono essere superiori ai costi dei fattori produttivi acquisiti sul mercato. In mancanza di un equilibrio economico durevole nel tempo, l’impresa non può sopravvivere e quindi svolgere la sua funzione sociale. L’equilibrio costi-ricavi può essere valutato in due differenti situazioni 5 : a) quella di breve periodo, dove l’equilibrio è fortemente auspicabile, ma comunque non sempre strettamente necessario: situazioni negative possono essere determinate dalla sottoposizione dell’azienda a pressioni e tensioni volontarie, al fine di ottenere un miglioramento dell’economicità, così come situazioni in cui l’equilibrio è favorevole possono nascondere al loro interno pericolose tendenze involutive; b) quella di lungo periodo, in cui diversamente, in quanto l’equilibrio economico deve esistere come condizione essenziale per la vita e la vitalità dell’azienda. Possono esservi fasi positive, altre meno favorevoli, ma l’importante è che resti la prospettiva di convenienza; senza questa prospettiva l’impresa non ha senso di esistere. Anche la ricerca di una maggiore socialità deve tenere conto dei vincoli di natura economica e, quindi, se l’azienda, per aumentare la propria legittimazione sociale e infine il proprio grado di economicità, può tollerare equilibri negativi, deve comunque operare in una prospettiva di equilibrio nel lungo periodo. Tornando al rapporto tra i due concetti di economicità e socialità, si sottolinea che l’azienda, nello svolgere la propria attività economica, svolge anche un ruolo sociale, apportando un contributo allo sviluppo del sistema economico e del sistema sociale. Ciò, ovviamente, non significa che gli obiettivi della società 5 R.Corticelli, L’azienda :economia e socialità, in “Rivista Italiana di Ragioneria e di Economia Aziendale”, gennaio/febbraio, 1995.

Anteprima della Tesi di Silvia Borzone De Signorio Sabelli

Anteprima della tesi: Il bilancio sociale d'impresa, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Borzone De Signorio Sabelli Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14453 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 57 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.