Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bilancio sociale d'impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 1.2 Socialità, sviluppo sostenibile e responsabilità sociale Il concetto di socialità può essere collegato a quello di responsabilità sociale, tema che a sua volta si inserisce nel più vasto ambito del concetto di sviluppo sostenibile, venuto ormai alla ribalta anche tra l’opinione pubblica. I problemi etici relativi allo sviluppo hanno assunto un’importanza fondamentale con riguardo alla sua sostenibilità. Il concetto di sviluppo sostenibile è molto vasto e comprende varie problematiche, quali la crescita demografica, il degrado ambientale, la crescita del reddito, nonché il ruolo delle istituzioni a livello nazionale ed internazionale. Nello spiegare cosa si intende per sviluppo sostenibile, procediamo per gradi e introduciamo, innanzitutto, il concetto di sostenibilità. Si definisce sostenibile la gestione di una risorsa se, nota la sua capacità di riproduzione, non si eccede nel suo sfruttamento oltre una determinata soglia. Estendere i concetti relativi alla sostenibilità da singole risorse naturali all’intero sistema economico è stato un passaggio cruciale e non privo di contraddizioni. L’espressione “sviluppo sostenibile” 8 è diventata molto popolare sul finire degli anni ‘80. Nel 1987 infatti è stato pubblicato il Rapporto Brundtland elaborato nell’ambito delle Nazioni Unite, al cui interno viene data un’importante definizione di sviluppo sostenibile: "Lo sviluppo è sostenibile se soddisfa i bisogni delle generazioni presenti, senza compromettere le possibilità per le generazioni future di soddisfare i propri bisogni". Da un punto di vista economico, tale definizione è stata totalmente disattesa, tanto che si è finito per parlare di crisi ambientale come crisi economica. Ciò significa che è necessario allargare la nozione di benessere e di sviluppo economico sino a ricomprendere il valore ambientale 9 . L’impresa che favorisce la sostenibilità si garantisce una maggiore sopravvivenza e sviluppo nel lungo periodo e può sfruttare i vantaggi della eco-efficienza ai fini della sua competitività. Lo sviluppo sostenibile, in ogni caso, rappresenta l'unica soluzione realistica di fronte al notevole aggravarsi dei problemi ambientali e all'evidenza della crisi del rapporto 8 Sullo sviluppo sostenibile è stata inserita un’apposita norma all’art.109 L.388/2000 (legge finanziaria per il 2001). 9 «La valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente (la cosiddetta valutazione ambientale strategica, Vas) è stata introdotta in ambito comunitario. Con l’entrata in vigore della direttiva 2001/42/CE è stato introdotto un concetto altamente innovativo per la valutazione dell’uso e dello sfruttamento del territorio, poiché la Vas deve precedere l’approvazione legislativa della pianificazione. E’ dunque cosa ben diversa e assai più ampia rispetto alla Valutazione d’impatto ambientale (Via) che riguarda solo singole categorie di opere e che non rientrano in nessuna pianificazione nazionale effettuata a monte» - Il sole 24 ore del 22/08/2001, pag.15

Anteprima della Tesi di Silvia Borzone De Signorio Sabelli

Anteprima della tesi: Il bilancio sociale d'impresa, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Borzone De Signorio Sabelli Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14451 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 57 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.