Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologie e prime applicazioni sperimentali per la gestione strategica degli atenei

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 descriverà anche l’evoluzione contestuale dei diversi attori del mondo universitario e degli stakeholders principali; - il secondo capitolo si sofferma sulla teoria generale delle organizzazioni, descrivendo gli aspetti principali di un organizzazione ed i problemi maggiormente critici che contribuiscono alla scelta tra le diverse tipologie di organizzazioni possibili. Nell’ultima parte del capitolo si entrerà nello specifico del mondo universitario, evidenziando a quale tipologia organizzativa sono riconducibili la maggior parte degli atenei e ci si soffermerà, infine, sulle specificità dei clienti delle università; - il capitolo 3 circoscrive il sistema competitivo di riferimento, cercando di esplicitare se e come il sistema si può paragonare ad un sistema di “quasi mercati” e come il passaggio verso tale sistema agevoli l’impostazione della gestione strategica proposta nella seconda parte dal momento che evidenzia l’importanza della centralità dei clienti nella progettazione del sistema di gestione; - il capitolo 4, ultimo della prima parte, analizza gli obiettivi fondamentali ed i requisiti imprescindibili di un efficace sistema di gestione degli atenei, costituendo il punto di partenza per la seconda parte. La seconda parte è il cuore del lavoro e si occupa di progettare un sistema di gestione degli atenei innovativo, ma non per questo inapplicabile. Avvalendosi della metodologia Qfd (Quality Function Deployment), si fornirà “una indicazione operativa per la gestione strategica dell’ateneo”, evidenziando quali siano le caratteristiche sulle quali è prioritario investire e quali, invece, risultino di secondaria importanza per massimizzare la soddisfazione dei clienti delle università identificati con gli studenti, in quanto se in un’organizzazione sono identificabili più tipologie di clienti il Qfd suggerisce di basare la progettazione sui clienti esterni [Franceschini, 2002].

Anteprima della Tesi di Marco Frecchio

Anteprima della tesi: Metodologie e prime applicazioni sperimentali per la gestione strategica degli atenei, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Frecchio Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2266 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.