Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologie e prime applicazioni sperimentali per la gestione strategica degli atenei

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 La seconda parte è composta da sei capitoli: - il quinto capitolo descriverà il metodo Qfd, soffermandosi sull’evoluzione storica, sullo sviluppo, sulle componenti ed sui passi principali necessari alla sua applicazione. In particolare si sottolineerà l’importanza della “Casa della qualità” e nell’ultima parte si valuterà criticamente l’applicabilità del metodo al mondo universitario; - il capitolo sesto calerà il metodo descritto nella progettazione del sistema di gestione strategica degli atenei, tramite la creazione della casa della qualità Clienti-Università, che vedrà in essa le relazioni esistenti tra i bisogni espressi dai clienti e le caratteristiche tecniche proprie delle università; - il capitolo settimo vedrà l’elaborazione del sistema di gestione. La prima elaborazione è ottenuta avvalendosi dell’algoritmo Qbench, implementato tramite un software di propria elaborazione, che si propone di fornire in output un profilo che massimizzi la soddisfazione complessiva della clientela, utilizzando in input i dati del benchmarking effettuato sulle caratteristiche tecniche degli atenei relative ai tre competitori utilizzati nel presente lavoro: Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore; - il capitolo ottavo illustrerà i procedimenti di correzione dei dati. Tale processo è fondamentale per analizzare le correlazioni tra le caratteristiche e la dinamicità intrinseca in ogni elemento di qualità. Per l’analisi delle correlazioni si sfrutterà il “tetto della casa” e tramite le informazioni in esso contenute verranno esplicitati i possibili effetti di trascinamento; per vagliare la dinamicità degli elementi di qualità, invece, si adotterà la metodologia proposta da Kano [1984] e si valuterà se è opportuno modificare i valori proposti dal profilo Qbench in base alla presunta evoluzione che avranno i parametri nel tempo;

Anteprima della Tesi di Marco Frecchio

Anteprima della tesi: Metodologie e prime applicazioni sperimentali per la gestione strategica degli atenei, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Frecchio Contatta »

Composta da 325 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2266 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.