Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso Zanzara: storia e cronaca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Questa l’Italia che ricevette una forte scossa quel 14 febbraio quando La Zanzara fece arrabbiare il popolo di benpensanti e i benpensanti fecero indignare chi considerava quell’inchiesta, a ragione, solo una ragazzata. “Ecco l’Italia che fa paura. L’Italia che si scandalizza dinanzi alle cose che non capisce, che diffida della verità, che punisce la lealtà, che rifiuta le ragioni e le conoscenze degli altri, che si sente pulita, e intanto rimpiange i bordelli, e la serva da consegnare all’irrequieto primogenito da iniziare all’amore; l’Italia che esalta l’onore e il delitto d’onore, la virilità a buon mercato, la castità delle donne proprie e la disponibilità di quelle altrui, che celebra la superiorità dell’uomo sulla donna, dell’uomo bianco sull’uomo nero, dell’uomo bianco che accumula denaro sull’uomo bianco che produce denaro, e va ad applaudire ‘Africa addio ’ e ammette la censura, giustifica l’intolleranza, si fa divorare dai pregiudizi, e al dopo preferisce il prima perché prima si è sempre stati meglio, e al prima, il prima di prima e il prima ancora, su su fino alla notte dei tempi che in Italia è cosa dell’altro giorno, quando si stava benissimo, quando non c’era bisogno di pensare, e di pensiero si poteva morire e di terrore si viveva, e tutto era così oscuro che la più fioca luce infastidiva come un raggio di sole al primo risveglio di un pigro, e la si spegneva, quando il padre ne sapeva sempre una più del figlio e il nonno una più del padre; l’Italia che raccoglie un’idea quando è già scontata, una novità quando fa la muffa, una pittura quando è ormai accademia, una scienza quando è canonizzata, un accordo quando è un compromesso, un’ideologia quando è corrotta, una religione quando si fa potere, che intitola i licei classici a Parini quando le odi non graffiano più e strade a Matteotti quando la sua voce è spenta per sempre, e legge i giornali che non creano casi di coscienza, che non pongono interrogativi,

Anteprima della Tesi di Manuela Boggia

Anteprima della tesi: Il caso Zanzara: storia e cronaca, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Manuela Boggia Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1939 click dal 30/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.