Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il malato terminale: il lavoro sociale con i morenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Infatti un importante “momento” del processo di sviluppo che ha portato alla attuale configurazione del sistema di welfare va visto nella nascita e nel consolidamento di un terzo settore «moderno», come soggetto centrale della produzione di servizi sociali. La trasformazione ha inizio a partire dagli anni Settanta, in una fase politica e sociale dominata da una forte ambivalenza. Da una parte si affermano concetti di “bisogno” e di “disagio” più articolati e multidimensionali, rispetto ai quali gli interventi standardizzati delle strutture pubbliche tradizionali appaiono sempre più inadeguati. Anche sulla scorta delle innovazioni culturali portate dai movimenti degli anni sessanta-settanta, si apre la strada della critica all’approccio burocratico di gestione del welfare. Si profilano nuovi diritti. Da questa prospettiva, l’emergenza del terzo settore viene messa in relazione all’emergere di nuovi bisogni e alla modificazione di alcuni bisogni tradizionali (generalizzazione dello status di madre lavoratrice, invecchiamento della popolazione, tossicodipendenza etc.). Sono richieste nuove culture di intervento, più flessibili modalità di erogazione, di conseguenza una diversa collocazione istituzionale dei servizi sociali, modalità di gestione più innovative, e dunque si profila nell’agenda politica la necessità di ampliare, modernizzare e sviluppare il novero dei soggetti abilitati a fornire i servizi. Il terzo settore, rispetto al sistema pubblico e anche rispetto al privato for profit, viene ritenuto in grado – a torto o a ragione – di assicurare una maggiore capacità di partecipazione e coinvolgimento, sia nella “lettura” dei bisogni, sia anche nella formulazione delle risposte. In questa fase il campo dell’assistenza si apre anche a nuovi approcci professionali, in particolare a quelli tipici del sociale, distinti da quelli

Anteprima della Tesi di Claudia Sodero

Anteprima della tesi: Il malato terminale: il lavoro sociale con i morenti, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Claudia Sodero Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 28972 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.